il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Tecnologia ::> Ferentino, SEL contesta l’aumento della tariffa idrica approvata dall’Assemblea dei Sindaci ATO5

Ferentino, SEL contesta l’aumento della tariffa idrica approvata dall’Assemblea dei Sindaci ATO5

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

FERENTINO - Contestano la decisione di approvare gli aumenti tariffari del servizio idrico integrato i rappresentati di SEL del Comune di Ferentino. In una nota il segretario Manuel D’Onofri e il Consigliere Comunale Marco Maddalena spiegano: «La questione del servizio idrico non può essere liquidata così “facilmente” come è avvenuto nel corso della Conferenza dei Sindaci del 5 Marzo  scorso. Oltre ai disservizi, i cittadini dovranno subire anche un aumento retroattivo della tariffa da 1,44 a 1,54 per l’anno 2012 e per l’anno 2013.
La posizione  della  maggioranza dei Sindaci nella  Conferenza, non è stato rispettoso  delle proposte provenienti da comitati cittadini per l’acqua pubblica  e dagli altri colleghi come ad esempio  del Sindaco di Ceccano.
Senza una  reale valutazione sugli inadempimenti dell’ente gestore non ci può essere una discussione sulla tariffa . Ed oggi una sensata valutazione sugli inadempimenti ci condurrebbe alla richiesta di risoluzione del contratto con  il gestore privato del servizio idrico.
L' atteggiamento del  Commissario Patrizi e della maggioranza dei Sindaci  della  Consulta (compreso il sindaco di Ferentino), non ha permesso una valutazione in tal senso, ma una posizione “schiacciata” a difesa del gestore privato.
Già da diverso tempo  in maniera ufficiale come gruppo politico e nel consiglio comunale abbiamo sia palesato la nostra posizione per la risoluzione del contratto con il gestore privato  e sia la necessità di discutere ciò  in Consiglio Comunale.
Considerata che la questione con è ancora chiusa, infatti, il sindaco di Ceccano, Manuela Maliziola,  ha presentato una mozione sia per la valutazione  della relazione della Segreteria tecnica Operativa (STO) in merito agli inadempimenti da parte del gestore e sia in merito alla risoluzione della convenzione stipulata per la gestione del servizio idrico, in danno del soggetto gestore.
Riteniamo necessario che il Consiglio Comunale, organo rappresentativo dei cittadini,  sia chiamato a discutere su questa proposta e valutare le azioni da mettere in campo per sostenere tale posizione . In tal senso chiederemo la convocazione di un Consiglio Comunale  ad hoc».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito