il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Tecnologia ::> Invalidità, riconoscimento affidato all'INPS. Si parte dalla ASL di Frosinone

Invalidità, riconoscimento affidato all'INPS. Si parte dalla ASL di Frosinone

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

altROMA - Risparmiare milioni di euro ed offrire un servizio più trasparente e più veloce ai cittadini: questo l’obiettivo della decisione assunta dal Commissario ad acta, Nicola Zingaretti.

Il decreto firmato questa mattina affida all’Inps (secondo quanto previsto dal decreto legge 98 del 6 luglio 2011) le procedure per  il riconoscimento dell’invalidità civile, cecità, sordità, handicap e disabilità. 

Verranno dunque superate le commissioni mediche operanti in ogni singola azienda, i cui costi  erano a carico del servizio sanitario regionale.

Da ora tutto l’iter verrà gestito dall’Inps, in particolare dalla Commissione Medica Superiore dell’Istituto nazionale della previdenza sociale. Per la Regione Lazio il risparmio previsto su base annua è di 8 milioni e 800 mila euro.

In base al protocollo sperimentale contenuto nel  decreto commissariale, l’Inps, gradualmente e comunque entro sei mesi, subentrerà alla Regione Lazio nell’esercizio di tutte le funzioni di accertamento e rivedibilità dei requisiti per il riconoscimento dell’invalidità civile. Le prime strutture coinvolte sono la Asl A di Roma centro e  la Asl della provincia di Frosinone. Il risparmio atteso è di 520 mila euro l’anno nella prima e 765mila euro nella seconda.

“Si razionalizza il sistema con una maggiore efficienza e la riduzione drastica dei costi con un risparmio di circa 9 milioni di euro all’anno - spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti -  ma soprattutto si garantisce a tutti i cittadini del Lazio una risposta più adeguata, trasparente e omogenea. Il protocollo elimina ogni discrezionalità e opacità, taglia i costi della burocrazia e consegna risorse a progetti per l’integrazione sociosanitaria e dunque per aumentare l’offerta dei servizi ai cittadini.

Finalmente la Regione Lazio si adegua  a un decreto emanato oltre due anni fa, offrendo ulteriore prova della volontà di snellire la macchina amministrativa. Voglio infine ringraziare l’Inps e in particolare il presidente Antonio Mastrapasqua per la fattiva collaborazione e la grande disponibilità dimostrata” .

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito