il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Tecnologia ::> Frosinone, Giovani Democratici. "25 Aprile festa dei vivi e della Libertà"

Frosinone, Giovani Democratici. "25 Aprile festa dei vivi e della Libertà"

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

altFROSINONE - Come ogni anno i Giovani Democratici della provincia di Frosinone ricordano una data importantissima per il nostro paese: il 25 aprile, anniversario della  Liberazione italiana dal nazifascismo.

Riaffermare, oggi, i valori dell’antifascismo e della democrazia - scrive in una nota Lucia Palone, responsabile scuola dei GD - nati dal movimento di Liberazione della Resistenza, fa si che questa festa non sia solo un rito abituale, ma uno stimolo per tutti i giovani e un punto di partenza per la riscossa delle forze sane di questo Paese; un’occasione per ricordare da dove nasce la nostra  Repubblica e la nostra Costituzione.

La Costituzione  italiana, è il frutto più prezioso nato dalla Resistenza , un testamento di centomila uomini che hanno dato la vita perché i principi di libertà e giustizia potessero essere  scritti su questa carta . Ognuno di noi, oggi, può e deve attraverso una propria resistenza individuale, portare un contributo per la salvezza del nostro paese oppure con la propria “desistenza”, come la definiva il giurista Calamandrei, esser complice di una ricaduta che però date le condizioni in cui versa la nostra nazione questa volta potrà essere fatale.

Oggi viviamo nella società  delle spettanze, è un inizio desolante della Terza Repubblica e questo perché i valori della  Resistenza sono stati messi a tacere per troppo tempo. In tutte le lettere dei condannati a morte della Resistenza, risulta evidente il fatto che i morti non hanno considerato la loro fine come una conclusione e come un punto di arrivo, ma piuttosto come un punto di partenza,come una premessa che doveva consegnare a noi e alle future generazioni il cammino verso l’avvenire.

A differenza di altre guerre quella partigiana fu una guerra fatta interamente da volontari, di qualunque partito che prima di morire dicevano tutti la stessa frase: "Muoio per un’idea".

Questa frase torna nelle ultime parole del partigiano Guglielmo Jervis che sulla copertina di una Bibbia ritrovata dopo essere stato fucilato scrisse: "Non piangetemi, non chiamatemi povero,muoio per aver servito un’ idea".

Il 25 aprile è la festa dei vivi e della libertà, perchè la resistenza parla ai giovani, perché è stata fatta da giovani partigiani - conclude la nota GD - che ci hanno consegnato una responsabilità e l’impegno a continuare la loro  lotta per chi verrà dopo.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito