il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Tecnologia ::> Cotral, polemica sul clientelismo interno; CdA annunzia «Commissione reclami e avanzamenti»

Cotral, polemica sul clientelismo interno; CdA annunzia «Commissione reclami e avanzamenti»

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - Si combatte sul filo della comunicazione una battaglia tra gli amministratori di maggioranza e di opposizione del Cotral. Ieri gli esponenti PD Paolo Toppi e Domenico De Vincenzi avevano denunciato una operazione di promozioni selettive in corso nell’ambito dell’azienda di trasporto pubblico regionale. I due consiglieri hanno pertanto inviato una richiesta scritta all’Amministratore Delegato, Domenico De Vincenzi, «affinché revochi immediatamente la commissione attraverso cui un singolo consigliere di amministrazione sta cercando di portare avanti promozioni e inquadramenti funzionali in maniera totalmente illegittima.
In una situazione già difficile – aggiungono i due consiglieri  - poiché continua a persistere la tensione finanziaria della società rispetto ai crediti vantati nei confronti della Regione Lazio, in cui giornalmente mancano autisti, mezzi e manutentori, riteniamo doveroso fermare la possibilità di porre in essere una politica di promozioni e inquadramenti che in assenza di un piano industriale e di una macrostruttura appropriata rischierebbe di costituire un forte danno per la politica di risanamento e di spending review posta in essere dal cda negli ultimi mesi penalizzando utenti e lavoratori
È veramente paradossale che invece di investire risorse per eliminare - conclude il consigliere Toppi - l’enorme evasione tariffaria che provoca milioni di euro di danni attraverso l’assunzione di verificatori, l’azienda spenda denaro pubblico per promuovere personale non operativo e viaggiante».

La risposta ufficiale del Cotral SPA arriva con un comunicato del CdA secondo il quale «l’Azienda sta procedendo a un'operazione di trasparenza nel prendere decisioni che riguardano i propri dipendenti al fine di assicurare agli stessi che non si verifichi il clientelismo che spesso ha caratterizzato l'operato delle aziende pubbliche con promozioni e assunzioni elargite con giudizi parziali e senza le necessarie  preliminari informazioni. La commissione, tra l'altro, è presieduta da uno dei più prestigiosi studi legali in materia lavoristica per garantire che le attività di approfondimento avvengano con la necessaria trasparenza che un'azienda pubblica deve assicurare sia ai lavoratori sia a chi è preposto a vigilare sul denaro pubblico.
La decisione del Cda di istituire la commissione è stata dibattuta in sede di Consiglio per regolare le numerose situazioni che si sono venute a creare, nel 2010, in seguito alla riorganizzazione del personale da recuperare e riordinare secondo le competenze e rispetto agli avanzamenti e le promozioni raggiunti con le precedenti gestioni. Il Cda ribadisce, dunque, l'intenzione di procedere con trasparenza e imparzialità, nonostante sia ormai uso dei due esponenti del Pd lasciare la seduta e non discutere le decisioni che riguardano l'Azienda nell'unica sede deputata al confronto e al dibattito».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito