il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Tecnologia ::> Frosinone, la protesta degli studenti: «Trasporti? Un viaggio della speranza»; aumentano i costi

Frosinone, la protesta degli studenti: «Trasporti? Un viaggio della speranza»; aumentano i costi

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

FROSINONE - Protestano i rappresentanti della Rete degli Studenti per l’assoluta inadeguatezza del sistema pubblico di trasporti che dovrebbe garantire la possibilità di arrivare in orario nelle diverse classi. In una nota diffusa in mattinata, così descrivono la situazione a Frosinone all’avvio del nuovo anno scolastico: «Al peggio non c’è mai fine in questa provincia e noi studenti ne stiamo pagando le spese. Già avevamo denunciato le problematiche del trasporto pubblico nella provincia ma gli studenti dell’Artistico di Frosinone vivono una situazione a dir poco esasperante.

Alcuni studenti del Liceo, nella giornata di ieri, ci hanno fatto sapere che per raggiungere la loro scuola hanno a disposizione solo tre circolari: due che dalla stazione ferroviaria di Frosinone vanno direttamente alla scuola e una che passa in zona «Madonna della Neve».
Molti di questi studenti provengono dai paesi limitrofi e per giungere a scuola devono prima arrivare in stazione o con i Cotral o il treno e poi prendere la circolare e nella «Landa», com’è definita dagli Studenti, sono presenti più istituti che ammontano ad una popolazione studentesca di circa 1500 unità.
È lampante che tre circolari non siano sufficienti a garantire a tutti di giungere a scuola nell’orario previsto e le scelte che hanno gli studenti non sono migliori. Molti prendono le circolari che arrivano nella zona dell’ospedale e proseguono a piedi fino alla scuola, altri prendono la prima circolare delle 7 e 35, arrivando a scuola ancor prima di chi apre le porte.  I disagi non finiscono qui perché se il mezzo ritarda, per qualsiasi motivo, di qualche minuto di mattina si perde al massimo un’ora di lezione al ritorno, invece, a causa della mancanza delle coincidenze orarie fra le varie aziende di trasporto spesso si rischia di attendere anche più di un’ora.
Non solo i costi degli abbonamenti della Geaf, l’azienda di trasporto urbano, sono aumentati a 25 euro mensilmente ma il servizio, lamentano gli studenti, è ancor più scadente, infatti  l’anno passato c’erano a disposizione più circolari che giungevano nei pressi della scuola in un orario non proibitivo ora invece si viaggia a mo’ di «sardina in scatola».
Chiediamo per questo motivo sia a livello comunale e provinciale agli Assessori incaricati di occuparsi del trasporto pubblico e di mettersi in sinergia con le parti sociali al fine di trovare e attuare le soluzioni per garantire il miglior servizio possibile agli studenti».

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Settembre 2012 10:04

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito