il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Tecnologia ::> Frosinone, Rete studenti medi indica le priorità: "Gravi carenze verso alunni disabili". E si appella alla Provincia

Frosinone, Rete studenti medi indica le priorità: "Gravi carenze verso alunni disabili". E si appella alla Provincia

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

FROSINONE - "La scuola non è un diritto uguale per tutti, infatti, a causa dei tagli pesantemente inflitti alla scuola, fra i tanti disagi dal suono della prima campanella, non si può non denunciare il taglio ai docenti di sostegno e la drammatica situazione in cui vertono gli studenti in difficoltà".

Punta il dito contro le carenze della scuola nei confronti degli alunni in difficoltà la Rete degli studenti Medi della provincia, che in una nota del coordinatore Matteo Oi spiega: "Quest’anno le ore destinate al sostegno sono state fortemente diminuite a tal punto che si è dovuti scendere sotto la soglia minima di 24 ore prevista dallo Stato. In alcuni casi come per i ragazzi dislessici le ore sono state soppresse completamente. In queste condizioni gli studenti con disagi maggiori, quelli che necessitano di un’assistenza costante, non potranno essere accolti in classe nemmeno per l’orario minimo previsto dalla legge, restando con i compagni e con i docenti sotto le venti ore, oppure dovranno sperare nella buona volontà ''volontaria'' dei docenti della  classe non specializzati.

Noi chiediamo subito la nomina degli specialisti per garantire il diritto di studio a tutti, questa politica che taglia fondi al sostegno degli studenti è una politica miope che discrimina e non rispetta la costituzione che sancisce che tutti hanno il diritto allo studio.

Questa è una situazione estremamente grave che pesa su famiglie deboli, già impegnate ogni giorno a lottare su più fronti, costrette a dover tenere i propri figli a casa si pensi che, anche per i ragazzi più gravi il massimo del sostegno è di 18 ore alla settimana, mentre per i ritardi lievi si parla di 4 o 5 ore, come se ciò non fosse abbastanza, pesanti sono gli effetti anche sulle patologie lievi dove una presenza più ampia del sostegno garantirebbe recuperi importanti se non totali.

Purtroppo in questa provincia pare che al peggio non ci sia mai fine - conclude la nota - poiché la quasi totalità delle scuole è inaccessibile, per via delle barriere architettoniche, chiediamo quindi all’Amministrazione Provinciale, per quanto riguarda le scuole superiori, e alle Amministrazioni Comunali, per le scuole elementari e medie inferiori, l’abbattimento delle stesse tramite l’installazione di rampe che permettano l’ingresso ai ragazzi diversamente abili.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito