SalTaranta 2012 ad Acuto, Serafini: «Siamo centro di un circuito musicale»

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
ACUTO - La lunga notte di "SalTaranta edizione 2012", in programma per il prossimo 11 agosto, si avvicina. Così il vicesindaco di Acuto Nello Serafini, tra i promotori dell'iniziativa musicale, prende carta e penna, e scrive di getto una lettera.
È indirizzata ai lettori e alla redazione de "ilgiornalino". Ma anche al sindaco, Augusto Agostini. La missiva intende spiegare le ragioni della manifestazione, ma anche mettere all'angolo alcune critiche, sopraggiunte all'iniziativa del Comune di Acuto, di recente. Termina con una citazione... sui generis. Di seguito il testo:
«Cari redattori e lettori, ho deciso di inviarvi queste righe per fare un minimo di chiarezza (se possibile) sulla manifestazione “SalTaranta 2012”. Caro Sindaco io penso che ci sia poco da aggiungere a quello che tu hai scritto sul "ilgiornalino" in riferimento alla manifestazione Saltaranta, una risposta precisa, puntuale e chiara come è tua consuetudine.
Io vorrei però farti perdere un po’ di tempo a leggere queste righe... E non essendo un cultore di internet o facebook, approfitto de "ilgiornalino" per ricordarti alcune cose, molte delle quali già conosci, vista la nostra età.
Saltaranta è l’insieme di due parole: saltarello e taranta. Questo è un progetto musicale nato tre anni fa con l’incontro tra alcuni amministratori, la Pro Loco, molti giovani e Benedetto Vecchio cantante e musicista del gruppo “Musicisti Basso Lazio”.
Benedetto Vecchio profondo conoscitore e ricercatore della musica popolare laziale, ed in particolare di quella ciociara (saltarello), sta cercando di creare un circuito di musica popolare,legato a quello di Eugenio Bennato, che ripercorre la storia dell’Unità d’Italia e del brigantaggio nelle nostre terre e che culmina con il Festival di Caulonia in Calabria.
Questa musica di cui stiamo parlando racconta la tradizione contadina e popolare dal 1800 all’ unità d’Italia con le storie di brigantaggio, le lotte contadine e il riappropriarsi della terra tenuta in possesso da principi, conti e marchesi.
Questa è la musica della sofferenza, della credenze popolari. Questa è la musica del SUD, che lega in modo particolare alcune regioni: Lazio, Campania, Basilicata,Puglia e Calabria.
Come tu ben sai Sindaco ci siamo sforzati di rappresentare, in questi tre anni, la musica pugliese (taranta e pizzica), laziale (saltarello) e quella lucano-calabra (ballar ella).
Musica bella, coinvolgente, che nasce dalla povertà  e dalla fatica del lavoro nei campi e si sprigiona con rabbia, allegria e danze per esorcizzare la sofferenza della vita.
Si potrebbe parlare per giorni di questa musica, ma non serve.
Solo una cosa vorrei ricordarti: che Acuto in questi tre anni è diventato punto di riferimento di questo circuito musicale. Adesso bisogna fare il salto di qualità, bisogna coinvolgere in questo percorso i Paesi limitrofi ( Piglio, Serrone, Paliano, Trevi, Anagni e quanti altri vogliono).
Progetto ambizioso? Non lo so!
Però sono convinto che, con questi giovani e con l’aiuto dei cittadini che credono nello sviluppo sociale e turistico del paese, l’obiettivo può essere centrato.
Ad Acuto la musica ha trovato sempre terreno fertile, dalle due bande musicali degli anni 30/40, a chi nella musica lavora e la fa come Pierluigi Germini. Dai direttori di orchestra e compositori come Maurizio Sparagna, Paolo Tombolesi, Giampiero Merluzzi, Giancarlo Guidoni ai vari gruppi e gruppetti che proliferano nel nostro paese.
Negli anni 1968/69 ad Acuto fu fatto un Festival rock (il primo in provincia di Frosinone) al quale parteciparono quindici  gruppi di vari paesi. La cosa suscitò scalpore e fu accolta con molto interesse dai cittadini. Il secondo anno furono fatte le selezioni in due giorni perché i gruppi partecipanti erano diventati trenta. Tutto questo con qualche timido sponsor. Il fondatore di questo festival fu Luigi Longo (Giggino)  personaggio per l’epoca “ un po’ sopra le righe”. Purtroppo la manifestazione finì al terzo anno per un evento tragico, la morte per incidente d’auto di un componente di un gruppo musicale di Guarcino.
I giovani di allora sono tutti quelli che oggi vediamo al campo di bocce, al centro anziani, nell’organizzazione di tornei di carte, nella politica. Sempre pronti a criticare questa o quella amministrazione, certo,  però sempre pronti ad impegnarsi con spirito costruttivo per il paese e per il sociale. Per loro la "polemica per la polemica" non esiste.
Vorrei concludere con una riflessione: a pensarci bene quelle persone che oggi fanno solo la polemica per la polemica, e molte volte anche menzoniera, sono quelli che  da giovani non li ricordo mai impegnati in qualcosa di utile per il sociale, politica, sport, musica, Pro loco o altre associazioni. A pensarci bene non li ricordo neanche nell’età matura. Adesso qualcuno si sente, non propone niente, rifà solo la solita polemica e purtroppo non sono maturati pur andando verso la terza età! Questi personaggi, che si possono contare sulle dita di una mano, per dimostrare che sono vivi, che esistono debbono impegnarsi dalla mattina alla sera in polemiche sempre più risibili. Io credo che vivano una vita, triste, amara, buia e forse un po’ isolata.
Caro Sindaco diamo e diamoci la possibilità di far crescere questo progetto e invitiamo tutti a venire con serenità la notte dell’ 11 agosto a “ SalTaranta 2012” .
Si ringraziano gli sponsor e i commercianti di Acuto che hanno contribuito alla realizzazione della manifestazione.
P.s. Un abbraccio a Francesco Sordo e Nino Piras che si sono sempre impegnati per il paese e adesso a mantenere viva questa voce  de “ IlGiornalino”.
Un saluto a tutti.
“MOLTI SI ILLUSERO DI POTERCI
USARE PER LE RIVOLUZIONI,
LE LORO RIVOLUZIONI,
MA ’ NON E’ CAMBIARE PADRONE,
NON E’ PAROLA VANA E ASTRATTA.
E’ DIRE SENZA TIMORE:
“E’ MIO” E SENTIRE FORTE IL “MIO”,
E SENTIRE FORTE IL POSSESSO
DI QUALCOSA A COMINCIARE DALL’ANIMA,
E’ VIVERE DI CIO’ CHE SI AMA,
VENTO FORTE ED IMPETUOSO,
CHE IN OGNI GENERAZIONE RINASCE.
COSI’ E’ STATO E COSI’ SEMPRE SARA'”
CARMINE CROCCO (BRIGANTE)
Share

Ultimo aggiornamento Giovedì 02 Agosto 2012 05:56

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito