il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Sport ::> Anagni, il Rally «Città dei Papi» ricco di sorprese: ritiri decisivi, vince Giannetti su Mitsubishi

Anagni, il Rally «Città dei Papi» ricco di sorprese: ritiri decisivi, vince Giannetti su Mitsubishi

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ANAGNI – È proprio vero che le gare finiscono solo e sempre sotto la bandiera a scacchi. Il 1°Rally Anagni Città dei Papi, decima e ultima prova  del Challenge Rallies Nazionali di Settima Zona è stata davvero una gara incredibile, costellata da numerosi ritiri che alla fine hanno deciso la classifica. Ad aggiudicarsi la competizione organizzata Evolution Sport Italia e da Ausonia Corse Promosport, l’equipaggio formato da Emanuele Giannetti e Felice Pizzuti che nonostante alcuni problemi di natura elettrica palesati sin dalla prima prova speciale sulla loro Mitsubishi Lancer Evo9 in configurazione R4,

sono riusciti ps dopo ps a risalire la classifica, conquistando il primato sulla penultima prova speciale, subito annullata ai fini della classifica a causa del ritiro con conseguente intervento dei mezzi di soccorso che ha interessato il duo composto da Nicola Pagnozzi e Gino Abatecola, leaders di giornata fino a quel momento della gara e costretti all’abbandono a seguito di un incidente avvenuto all’altezza del terzo chilometro.
Per Giannetti, vincitore di una sola prova speciale sulle otto disputate quello appena conquistato è il secondo successo assoluto in carriera, un successo arrivato grazie anche ai numerosi ritiri che hanno coinvolto, oltre a Pagnozzi (vincitore di 5 tratti cronometrati), Francesco Bucciarelli, su Abarth Grande Punto S2000, primo nella prova spettacolo di sabato pomeriggio e fermo per l’eccessivo ritardo accumulato sulle prime  ps di stamattina, Pascale secondo assoluto fino a dopo la ps 2,  appiedato sulla quarta prova dalla rottura del differenziale posteriore della Mitsubishi Lancer Evo9, D’Alto, secondo assoluto dopo la terza prova, fermo per il cedimento del motore della sua Abarth Grande Punto S2000 dopo la ps 4 e Laganà terzo dopo la ps4 e costretto all’abbandono per via dello spegnimento improvviso della vettura sulla ps5.
Alla fine di una lunga serie di colpi di scena a conquistare il secondo posto assoluto è  stato Antonio Bucciarelli in coppia con Riccardo Silvaggi. Una gara in crescendo la loro che li ha visti migliorare costantemente il feeling con la Mitsubishi Lancer Evo9 di classe R4 che utilizzavano per la prima volta.
A completare il podio, formato interamente da vetture di gruppo R, Andrea Minchella e Giovanni Carcone  velocissimi con la loro Renault New Clio Sport malgrado la rottura della pompa della benzina e una successiva foratura che non gli ha per nulla intimoriti, come del resto dimostra il miglior tempo assoluto colto sull’ultima prova speciale.
Quarto posto e successo mai messo in discussione in gruppo A per Giuliano Fasili e Paolo Vianello su Citroen Saxo, rallentati sulla ps 6 dall’improvviso cedimento dell’alternatore. Un risultato quello colto dall’equipaggio portacolori della scuderia Black Devils che gli permette di compiere il sorpasso in classifica, andando così a vincere il titolo di gruppo A nel Challenge di Zona. Ottima prestazione a soli sei decimi di Fasili, anche quella colta dal siciliano Antonino Cannavò navigato da Silvia Micheletti che ha portato la Renault Clio S1600 al quinto posto assoluto e al primo di categoria.
Sesto posto e vittoria in Gruppo N invece per Pietro Silvaggi e Mirko Liburdi su Mitsubishi Lancer Evo9 che hanno preceduto nella generale Gianluca Bailonni e Cristian Garzuoli che hanno esordito su una Clio S1600 e Alessandro Speranzini  e Giuseppe Cellante i quali sono riusciti a bordo della loro Citroen Saxo di classe N2 a battere la concorrenza di vetture sulla carta più prestazionali della loro.
Dei 43 equipaggi al via solo 21 sono riusciti a tagliare il traguardo a dimostrazione anche della selettività del percorso di gara.


Challenge Rally 7^ zona – 1°Rally Anagni Città dei Papi, Classifica Finale Assoluta.

1.Giannetti-Pizzuti F. (Mitsubishi Lancer Evo 9 R4) in 45m09.0s
2.Bucciarelli A.-Silvaggi R. (Mitsubishi Lancer Evo 9 R4) +36.9s
3.Minchella-Carcone (Renault New Clio Sport R3C) +56.2s
4.Fasili-Vianello (Citroen Saxo Kit A6) +1m38.9s
5.Cannavò-Micheletti (Renault Clio S16000) +1m39.5s
6.Silvaggi P.-Liburdi (Mitsubishi Lancer Evo 9 N4) +2m08.6s
7.Bailonni-Garzuoli (Renault Clio S16000) +2m41.6s
8.Speranzini-Cellante (Citroen Saxo Vts N2) +3m37.6s
9.Moscardini-Micheli (Subaru Impreza Wrx N4) +4m17.7s
10.Papa-Rovelli (Renault Clio Rs N3) +4m22.8s

Credito fotografico:Leonardo D’Angelo www.leonardodangelo.com.

 

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito