il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Trevi Nel Lazio, A tre mesi dalle amministrative, non si conosce lo sfidante di Grazioli

Trevi Nel Lazio, A tre mesi dalle amministrative, non si conosce lo sfidante di Grazioli

alt TREVI NEL LAZIO - Si voterà per le prossime regionali ed amministrative il prossimo 20 e 21 settembre. Sono oltre mille i comuni chiamati al voto, tra cui quattordici capoluoghi di provincia e quattro di regione, con gli appuntamenti più attesi che saranno quelli di Venezia, Reggio Calabria, Trento, Bolzano e Arezzo.

Sono 27 i Comuni del Lazio che apriranno le urne, di questi 8 in provincia di Frosinone incluso in quest’ultimi il Comune di Trevi Nel Lazio. Il Sindaco uscente Silvio Grazioli, si ripresenta per il secondo mandato forte degli ottimi risultati ottenuti durante la sua legislatura, con un programma che sarà di certo basato sulla concretezza, sulla continuità della progettualità già avviata, e sulla determinazione di raggiungere obiettivi importanti per lo sviluppo e crescita del territorio. E se ora c’è sicurezza di una data per le amministrative, e da un lato c’è la realtà della candidatura del Sindaco uscente Silvio Grazioli, dalla parte opposta non si conosce ancora chi sarà lo sfidante di Grazioli. Si pensava alla candidatura dell’attuale consigliere di minoranza Pietro Bianchini, ma lo stesso durante gli ultimi incontri pubblici agli Altipiani di Arcinazzo ha sottolineato che non sarà lui il candidato a Sindaco, a meno che non cambi idea all'ultimo minuto.

“A tre mesi dalle elezioni ancora non si conosce  –commentano alcuni attenti osservatori- la figura o le figure di altri candidati a Sindaco, c’è solo uno sparuto gruppo di cittadini e “vecchie glorie” di una passata amministrazione dimenticata ormai dalla popolazione, talmente poco ha concretizzato durante quella legislatura, che invece di ufficializzare una candidatura di un loro possibile  candidato a Sindaco, goliardicamente cercano di “gettare fumo negli occhi” a volte alimentando la macchina del fango, ed elevandosi a salvatori della patria. Amministrare è una cosa seria e va fatta in modo serio, non si fa dietro una tastiera di computer, diventando “leoni da tastiera”, non si fa utilizzando pseudonimi con la complicità dei social, si fa tra la gente mettendoci la faccia e confrontandosi, ma prima di tutto in questo caso c’è da capire chi si candida a Sindaco e cosa vuole concretamente fare, il resto sono solo chiacchiere messe ad arte che si possono continuare a fare sui social non nella realtà”.

 

 

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Leggi anche:

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito