il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Anagni, si abbassa la pressione fiscale per i cittadini di Anagni, Bassetta: «Un impegno mantenuto»

Anagni, si abbassa la pressione fiscale per i cittadini di Anagni, Bassetta: «Un impegno mantenuto»

ANAGNI - A conclusione degli incontri avuti dal sindaco Fausto Bassetta e dall’assessore al Bilancio e ai Tributi Aurelio Tagliaboschi con i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil (Vincenzo Tuffi, Alessandra Romano, Giuseppe Pietrucci, Rosa D’Emilio, Emilio Lucidi e Giuseppe Palombo) per la discussione, in vista dell’approvazione di Bilancio di previsione Esercizio 2015 che sarà all’ordine del giorno del Consiglio comunale di giovedì prossimo, l’amministrazione comunale ha applicato alcune agevolazioni, riducendo le imposte Tari (tassa sui rifiuti) e l’Imu sui terreni agricoli. Per quanto riguarda la Tari è previsto: riduzione del calcolo da tre a una unità per famiglie non residenti; riduzione del 30% per abitazioni con servizio distante 500 metri; riduzione del 40% per nuclei familiari con presenza di portatori di handicap e invalidi civili al 100%; riduzione del 70% per nuclei familiari con reddito complessivo pari o inferiore a 12.000 euro; esenzione per  studenti o lavoratori risultanti titolari di un canone di locazione in altre città. Per quanto concerne l’imposta sui terreni agricoli, il Comune ha  ridotto l’aliquota da 7,60 a 4,60.
«Come ci eravamo impegnati a fare -ha sottolineato il Sindaco Bassetta e l'Assessore Tagliaboschi - abbiamo alleggerito la pressione fiscale per numerose famiglie anagnine, nonostante le difficoltà che l’Ente sta ancora incontrando. E come concordato con i sindacati, al prossimo Esercizio cercheremo di applicare ulteriori agevolazioni».
Plauso da parte delle sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil: «prendiamo atto dell’impegno profuso dall’amministrazione comunale, e chiediamo un’attenzione maggiore per le aliquote  dell’addizionale Irpef nel prossimo Esercizio, anche con la previsione di una soglia esente per le fasce di reddito più basse».
Nel rispetto degli impegni che il Sindaco Bassetta ha preso con la cittadinanza, nell’ottica di un fisco meno pesante, è stato avviato anche un censimento per le abitazioni concesse in comodato dai genitori ai figli e viceversa  così da valutare per queste utenze l’esenzione dall’Imu. La domanda va presentata entro il 30 settembre 2015 tramite il modello che si può scaricare  sul sito istituzionale del Comune e si possono chiedere informazioni all’Ufficio Tributi.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito