il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Ferentino, Berretta lancia l’allarme sugli appalti pubblici: «Procedure d’urgenza sono ormai routine»

Ferentino, Berretta lancia l’allarme sugli appalti pubblici: «Procedure d’urgenza sono ormai routine»

FERENTINO - Quando le procedure d’urgenza diventano la normale routine, è questo che succede nel Comune di Ferentino negli appalti di servizi, forniture e prestazione d’opera.
È quanto afferma Maurizio Berretta, Capogruppo consiliare DemocraticaMente, in una nota diffusa questa mattina: «La legge impone trasparenza, rotazione e parità di trattamento nell’affidamento a ditte o professionisti, ed anzi a Ferentino si registra anche la totale assenza di un albo delle ditte che potrebbero partecipare ai bandi ed alle gare pubbliche. La procedura che viene utilizzata impropriamente è l’affido diretto ed esclusivo, senza indagine di mercato, senza ricerca di un preventivo o un’offerta migliorativa, ne in seno al prezzo ne tantomeno ai servizi offerti. La stragrande maggioranza di questi atti «anomali» di affidamento diretto lavori si registra nel settore Lavori Pubblici. È singolare che, come Consiglieri comunali,  più volte abbiamo denunciato nei Consigli comunali questo comportamento, ed a supportare le nostre tesi anche il Nucleo Tecnico di Controllo e Valutazione Interno, che nei Report sul Controllo di Attività Amministrativa sia del 2013 che del 2014, riporta le anomalie del ricorso puntuale e continuativo all’affidamento con procedura diretta ex Art.125 comma 8 e comma 11 del D.legs. 163/2006 e richiama l’Amministrazione comunale a “privilegiare la procedura ad evidenza pubblica, residuando il ricorso alla procedura negoziata diretta solamente in presenza del carattere d’urgenza, garantendo così quella trasparenza amministrativa che il legislatore impone e richiede” .
È singolare che all’interno dell’Amministrazione comunale  i termini “rotazione, alternanza, imparzialità e  trasparenza” non sono di casa e fatto ancor più grave è, che chi è deputato al controllo e dovrebbe far rispettare i richiami derivanti dall’Assise Civica e dal Nucleo Tecnico in questione, non esercita le proprie funzioni. Il benessere e la crescita del territorio, certamente non può passare attraverso questi atti “immorali” e contro ogni etica, l’indotto economico locale, i professionisti, hanno bisogno di fiducia, la Città deve riacquisire quella credibilità di un passato che comincia ad essere lontano. Qualche mese fa il sottoscritto con i Consiglieri di Alternativa presentarono una richiesta di Consiglio Comunale per discutere sulle direttive per l’istituzione delle “Short List” di settore, l’alleanza Pompeo fece “carte false” per non confrontarsi su questo importante ordine del giorno riuscendo a far saltare la discussione. Certo è che fin quando quest’Amministrazione comunale potrà andare avanti con questo atteggiamento arrogante e non curante dei sani principi che regolano la gestione pubblica? Le aziende del territorio ed i professionisti aspettano fiduciosi un cambio di rotta volto all’imparzialità, alla rotazione ed alla trasparenza, come lo aspettiamo noi con tutta la Città, abbiamo molte professionalità che non sono mai state valorizzate, e che hanno lo stesso diritto di poter lavorare per il Comune al pari dei “soliti amici di turno”».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito