il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Ferentino, 6 consiglieri ribadiscono la richiesta di convocazione del Consiglio: «È nostro diritto»

Ferentino, 6 consiglieri ribadiscono la richiesta di convocazione del Consiglio: «È nostro diritto»

FERENTINO - Ribadiscono la loro volontà di richiedere la convocazione di un Consiglio straordinario per discutere i 16 punti richiesti i Consiglieri comunali di Ferentino critici rispetto all’evoluzione dell’amministrazione Pompeo. I punti sono:
Società partecipata “Farmacie di Ferentino srl” – problematiche inerenti la gestione e l’amministrazione – discussione e determinazioni;
Problematiche inerenti la Scuola pubblica – discussione e determinazioni;
Crisi del Commercio e delle Attività produttive – discussione e determinazioni; Situazione ambientale del nostro comune – discussione e determinazioni;
Problematiche inerenti il civico cimitero comunale – discussione e determinazioni;
Società di Trasformazione Urbana Stu Aulo Quintilio – discussione, rideterminazione e cronoprogramma;
Ufficio del Giudice di Pace – Mantenimento presidio – discussione e determinazioni;
Istituzione ed insediamento Casa della Salute – discussione e determinazioni;
Mantenimento dell’incubatore Bic Lazio Spa – discussione e determinazioni;
Istituzione ed insediamento Presidio Corpo Forestale dello Stato – discussione e determinazioni;
Problematiche inerenti la Regolamentazione dell’associazionismo – discussione e determinazioni;
Appalti Servizi Sociali, Servizi alla persona – discussione e determinazioni;
Appalto trasporto scolastico – discussione e determinazioni;
Atto di indirizzo sull’istituzione delle short list– discussione e determinazioni;
Sicurezza stradale – discussione e determinazioni;
Strutture sportive della città – discussione e determinazioni;

In un sollecito indirizzato al Segretario  del Comune di Ferentino, Franco Loi, e al Presidente del Consiglio Comunale, Giuseppe Iorio, i consiglieri Maurizio Berretta, Mario Cellitti, Gianni Bernardini, Marco Valeri, Marco Maddalena scrivono:  

«In riscontro della nota, Prot.20267 del 05/11/2014, dove si invitano i sei consiglieri comunali a ripresentare la richiesta di convocazione  di consiglio comunale straordinario e urgente, si fa presente che i 16 punti richiesti sono, così come previsto dal vigente regolamento di consiglio comunale, semplici o.d.g. e/o risoluzioni che possono scaturire dalla discussione.

Si invita il Segretario Generale a non utilizzare “legulei” al solo scopo di tentare di non concedere il diritto ad ottenere il Consiglio Comunale a persone elette a rappresentare la cittadinanza nella massima assise civica.

A proposito dei pareri di regolarità tecnica e contabile citati nella nota, e comunque non dovuti, invitiamo il Segretario Generale a porsi questo problema in altre gravi situazioni ed a seguire i rilievi formulati dal Nucleo Tecnico di Valutazione del Comune di Ferentino nel Report sul Controllo di Regolarità Amministrativa anno 2013 Verbale n.18 del 27/02/2014, nello specifico alle pagine 4 e 5, “..Per quanto sopra osservato, il Nucleo ritiene che il Dirigente ed i Responsabili di Settore,……, vadano richiamati ad un più prudenziale e consono utilizzo della procedura di affidamento ex Art.125 comma 8 e comma 11 d.lgs. 163/2006”; questo  sicuramente è il comportamento censurabile in ordine ai pareri della regolarità tecnica e contabile e non certamente l’esercizio democratico delle prerogative dei consiglieri comunali.

Il non legittimo esercizio democratico delle funzioni  per le quali siamo stati eletti dal popolo è un grave affronto ai cittadini di Ferentino che rappresentiamo e ci hanno chiesto di discutere ed individuare idonee risoluzioni per queste problematiche.

A conclusione, relativamente alla nota Prot.20267 del 05/11/2014, non abbiamo nulla da ripresentare o perfezionare e quindi attendiamo senza indugio, da chi è deputato, la convocazione della Conferenza dei Capigruppo propedeutica al Consiglio Comunale nei tempi previsti.

In difetto, ci rivolgeremo al Prefetto ed alla Procura della Repubblica di Frosinone, in quanto entrambi, ognuno per le proprie competenze, possono intervenire per ripristinare la democrazia in questa città.

In questo momento, a Ferentino, c’è una grande confusione nei ruoli, per cui auspichiamo che il Segretario Generale torni a fare il Segretario Generale, il Presidente del Consiglio Comunale torni a fare il Presidente del Consiglio Comunale e via via tutti gli altri.

Noi siamo consiglieri, dobbiamo e vogliamo fare solo questo».

Evidenti però le implicazioni anche politiche della richiesta.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito