il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Acuto, «Progetto Ubuntu» alla prima uscita pubblica: amministratori aperti al dialogo, ma scettici

Acuto, «Progetto Ubuntu» alla prima uscita pubblica: amministratori aperti al dialogo, ma scettici

ACUTO - Alla prima pubblica del «Progetto Ubuntu per Acuto» il pubblico è composto prevalentemente da amministratori passati, presenti e futuri; meno folta la presenza di «comuni cittadini». Evidentemente, in un periodo di ormai aperta campagna elettorale, a essere ipersensibili a qualunque sollecitazione di carattere economico-amministrativa sono principalmente le persone politicamente più esposte. Dei circa 20 partecipanti all’incontro, infatti, due erano gli attuali candidati alla carica di sindaco Augusto Agostini e Tamara D’Ascenzi, quattro i consiglieri uscenti attualmente candidati e altri quattro gli ex-consiglieri non candidati, tra cui includiamo l’On. Nazzareno Pilozzi espressamente invitato dall’organizzatore dell’incontro, David Perinelli.

Il quale, rispetto all’ambizioso progetto presentato nel primo incontro presso l’Hotel «La Panoramica», ha rilanciato integrando proponendo il riutilizzo dell’area dell’ex-cava come centro benessere e prospettando la coniazione di una valuta locale per consentire l’accesso ai prodotti e servizi di prima necessità anche dei cittadini che rischiano nei prossimi mesi e nei prossimi anni di perdere ogni forma di reddito.
Interessati allo spirito delle proposte, ma scettici sulla realizzabilità del progetto nella sua totalità, sia Tamara D’Ascenzi che il sindaco Agostini, il quale ha enfatizzato come nella direzione delle finalità del progetto l’amministrazione abbia già mosso i primi passi, e che occorre proseguire con azioni magari piccole ma concrete per poter davvero realizzare gli obiettivi di lungo periodo.
Più fiducioso Gianpiero Passeri, di Radio Centro Fiuggi, che ha evidenziato analogie tra il «Progetto Ubuntu» e il concetto di «Smart City», capace di prospettare uno sviluppo basato sulle iniziative locali e dal basso che non ha alternative in questo momento di crisi.
Possibilista l’intervento di Nino Piras, che invitava però a circoscrivere il progetto su moduli concretamente realizzabili e su cui ricercare e ottenere la partecipazione e il contributo delle persone coinvolte.
Più pessimisti gli interventi conclusivi del lungo dibattito, con Sandro Petrucci e lo stesso On. Nazzareno Pilozzi che hanno criticato la struttura stessa del progetto, evidenziandone le differenze rispetto a esperienze similari in altre parti d’Europa a livello sia di realtà del territorio che di mentalità e richiamando al riguardo l'esperienza di Pietro Necci, ed evidenziando l'inadeguatezza della proposta che mira ad affrontare sul piano ultra-locale problemi che invece hanno una dimensione di più ampio respiro territoriale.
Petrucci in particolare ha posto il problema della partecipazione delle persone: «Delle 13 che hanno partecipato alla prima riunione, una sola sta prendendo parte anche a questa seconda».
Pilozzi ha invece preso di mira l’impostazione «educativa» del progetto, che vorrebbe in qualche modo proporsi come uno strumento di mutamento delle mentalità e dei singoli, sostenendo come invece occorra porsi con il rispetto delle persone e delle loro idee, compresi gli amministratori presenti e passati che hanno impegnato il proprio tempo libero e le proprie energie per mettersi al servizio della comunità.
David Perinelli aveva criticato poco prima il metodo di formazione delle liste comunali sulla base del principio della selezione dei «portatori di voti» prima che di ogni altra considerazione, dichiarando che sarebbe stata sua intenzione avendone avuto il tempo di presentare a sua volta una lista «Ubuntu» alle amministrative.
Dopo un vivace dibattito storico-politico sulla figura del sindaco visionario di inizio del secolo scorso, Antonio Longo, la riunione è stata aggiornata a una prossima iniziativa del progetto.


LINK

Progetto Ubuntu per Acuto (PDF)

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Aprile 2014 07:10

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito