il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Servizio idrico: Pilozzi (Sel) presenta emendamento per gestione pubblica: «Rispettare referendum»

Servizio idrico: Pilozzi (Sel) presenta emendamento per gestione pubblica: «Rispettare referendum»

ROMA - «Dall'esito di queste votazioni si capirà chi vuole veramente che la gestione dell'acqua torni in mano pubblica e soprattutto chi davvero ha a cuore i beni comuni del nostro Paese». così Nazzareno Pilozzi, deputato di Sinistra Ecologia Libertà, presenta l'emendamento al disegno di legge sulle Province.
«Abbiamo presentato un emendamento, assieme al collega Kronbrikler, che chiude definitivamente la stagione degli affidamenti ai privati della gestione dei servizi idrici, nel rispetto del voto referendario di due anni fa. La mia proposto fissa al 30 giugno 2014 il termine improrogabile per la cessazione di tutti gli affidamenti dei servizi pubblici operati dalle Province nel corso di questi anni, tra cui quello del servizio idrico, a società esterne aventi anche capitali privati: le Regioni dovranno quindi riassegnare alle Province e alle Città metropolitane tutti i servizi esternalizzati negli anni (altrimenti sarà il Governo a dover agire in sostituzione per far rispettare la volontà popolare).

Si tratta dell’emendamento che, se approvato, potrebbe riscattare l’assurdo decreto svuota-Province, il quale - nonostante i nostri tentativi in Commissione Affari costituzionali - non ha perso i connotati di lasciapassare per trasformare le Province nella zona franca delle larghe intese e per amputare ulteriormente la nostra democrazia, senza tener conto della volontà dei cittadini, a dispetto di tutti i principi di democrazia partecipata.
Il nostro emendamento invece, pone al primo posto il rispetto della volontà dei milioni di cittadini che nel 2011 hanno votato in massa per l'acqua pubblica; contrariamente a coloro che, in questi mesi, si sono riempiti la bocca di ovvietà sulla necessità di rispettarne gli esiti, finalmente Il Parlamento ha la possibilità di conferire concretezza a tante parole grazie a un emendamento che, in semplici poche righe, chiude definitivamente la stagione della privatizzazione dei profitti e dell’esternalizzazione dei costi».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito