il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Rifiuti tossici in Ciociaria, il piano della Regione. Scalia (PD): "Fare presto"

Rifiuti tossici in Ciociaria, il piano della Regione. Scalia (PD): "Fare presto"

altFROSINONE - “Diventa sempre più urgente verificare l’inquinamento dei siti indicati dal pentito di camorra Schiavone e procedere al più presto con gli accertamenti sulla tossicità dei terreni”.

A dichiararlo il Senatore del Partito Democratico, Francesco Scalia, che a seguito delle pubblicazioni degli atti della Commissione bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e dell’audizione di Schiavone del 1997, torna a sollecitare un impegno forte dello Stato per far luce su quanto dichiarato dall’ex cassiere dei Casalesi.

“È sconcertante sapere che nessuno fino ad oggi abbia mai approfondito le rivelazioni di Schiavone davanti la Commissione.

La nostra provincia, da Cassino a Patrica, è stata coinvolta in un traffico illegale di rifiuti che oltre aver messo in serio pericolo la salute dei cittadini, getta ombre sulle amministrazioni di quegli anni”. La decisione di togliere il segreto sui contenuti dell'audizione che il collaboratore di giustizia Carmine Schiavone svolse nell'ottobre 1997 alla Commissione bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti, è avvenuta dopo le richieste avanzate da cittadini e parlamentari.

“Subito dopo le dichiarazioni rilasciate da Carmine Schiavone – ha detto Scalia – abbiamo presentato in Senato, a prima firma Capacchione, un’interrogazione urgente in cui si chiedeva di conoscere l’opera di monitoraggio delle aree inquinate e se esistono precisi piani di bonifica. Mentre i deputati del PD Manfredi e  Realacci hanno chiesto di verificare i contenuti delle dichiarazioni del pentito di camorra Schiavone.

Alla luce di quanto emerso - conclude Scalia -  è chiaro che non possiamo perdere altro tempo e attivare tutte le procedure per la bonifica delle aree inquinate”.

altIntanto si muove la Regione Lazio che, in una nota del Presidente Nicola Zingaretti spiea: "La pubblicazione dei verbali desecretati dell’audizione di Carmine Schiavone, tenutasi davanti alla Commissione bicamerale sulle ecomafie nel 1997, fa emergere un quadro di estrema gravità e grande preoccupazione che va affrontato con misure adeguate e straordinarie. Per questo, la Regione Lazio chiede a Palazzo Chigi di coordinare un piano, immediatamente attivo, che coinvolga le amministrazioni regionali laziali, campane e molisane, al fine di determinare in via straordinaria un Sito di Interesse nazionale (Sin) che agisca sull’intera area coinvolta da probabili attività illecite nell’ambito dello smaltimento di rifiuti tossici, per attivare urgenti azioni di controllo e bonifica volte a salvaguardare la salute della cittadinanza.

I contenuti dei documenti desecretati costituiscono per l’Amministrazione regionale un elemento in più per sostanziare il nuovo corso che la Giunta di Nicola Zingaretti ha già impostato in questi primi mesi del proprio mandato, sul nodo delle bonifiche e dei controlli. Coadiuvata da Arpa Lazio, infatti, la Regione ha stabilito l’estensione e il completamento dell’Anagrafe dei siti da bonificare, con la delibera del 3 ottobre scorso. Il primo obiettivo, dunque, è quello di concludere quanto prima la mappatura di tutti i siti del territorio regionale.

In relazione a quanto emerge dagli organi di stampa, la Regione comunica inoltre che, ad oggi, nessun proprio ufficio ha ricevuto ufficialmente alcuna comunicazione (prevista dalla legge ex art. 242, 244, 245 – Dlgs 152/2006) da parte del Governo nazionale né dall’autorità giudiziaria. Tuttavia, tenuto conto del segreto istruttorio sulle indagini in corso, l’Amministrazione regionale sta comunque contattando i Comuni interessati in merito alle notizie, per predisporre le azioni necessarie.

Ad esempio, proprio nel caso di Borgo Montello, la Regione si è già fatta promotrice dell’istituzione di un tavolo della Trasparenza, in relazione alla dismissione della centrale nucleare. Tale scelta si somma al progetto già avviato per si sta procedendo alla redazione di un Piano operativo di indagine, finalizzato all’individuazione delle anomalie magnetiche rilevate nel corpo della discarica S0, in località Borgo Montello.

Tale progetto è stato presentato dal Comune di Latina proprio in seguito alle prime dichiarazioni di Schiavone, ed è stato eseguito attraverso indagini atte ad individuare la presenza di rifiuti pericolosi occultati nella discarica di rifiuti solidi urbani di Latina.

Infine, l’Area Conservazione Qualità Ambiente e Bonifica siti inquinati della Regione Lazio ha avviato un’istruttoria volta al reperimento di risorse economiche, con la finalità di supportare le eventuali richieste di finanziamento che i Comuni interessati dalla problematica possono trasmettere all’Amministrazione regionale".

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Novembre 2013 09:26

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito