il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Scuola, manifestazione della Rete degli Studenti: giovani in piazza stamattina a Sora e Frosinone

Scuola, manifestazione della Rete degli Studenti: giovani in piazza stamattina a Sora e Frosinone

altFROSINONE - "Nonostante la forte pioggia che ha colpito le città di Frosinone e Sora, dove la Rete degli Studenti Medi si è mossa in corteo (questa mattina ndr), le strade si sono riempite di studenti.

Un risultato, nel suo complesso, positivo tenendo conto dell’assenza di molti rappresentanti d’Istituto e Consulta, che si rinnoveranno la prossima settimana, del clima politico molto più instabile di quelle meteorologico".

Con queste parole il coordinatore della Rete provinciale Matteo Oi ha commentato le due manifestazioni provinciali degl istudenti di stamattina e ha così spiegato le ragioni della protesta: "Auspichiamo che le forze politiche ascoltino la voce degli studenti e che siano lungimiranti perché proprio la mancanza di politiche a lungo termine ha determinato il degrado di numerosi servizi al cittadino in primis il sistema scolastico.

Chiediamo, infatti, provvedimenti strutturali e non misure tampone per limitare i danni di anni di tagli scriteriati e il DL “L’istruzione riparte”, pur essendo un elemento di novità, è un timido e piccolo passo in avanti crediamo sia opportuno che il piano d’investimenti riporti il livello dei fondi destinati alla scuola a prima del 2008.

Ribadiamo ancora una volta la riforma degli organi collegiali che metta al centro la partecipazione studentesca e l'apertura della scuola al territorio cosi come un piano d'investimenti in edilizia scolastica per mettere in sicurezza le scuole, garantire la manutenzione ordinaria e rispettare le nuove normative in materia di Eco sostenibilità degli edifici.

Siamo dell’idea, inoltre, che questo paese necessiti di una vera riforma del mondo dell’istruzione, legato ancora alla Riforma Gentile, che preveda una legge quadro nazionale, un sistema di welfare studentesco che venga incontro alle esigenze delle famiglie, che pagano il prezzo più alto della crisi, al fine di garantire il costituzionale diritto di accedere ai più alti livelli d’istruzione".

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito