il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Anagni, alla festa Democratica irrompe la politica nazionale. Forfait di Epifani arriva Roberto Speranza: "E' ora di cambiare"

Anagni, alla festa Democratica irrompe la politica nazionale. Forfait di Epifani arriva Roberto Speranza: "E' ora di cambiare"

altANAGNI - "Cambiamento".

Ecco la parola più inflazionata alla Festa democratica provinciale che si è svolta ieri sera in piazza Cavour, nel cuore della città dei Papi.

Un appuntamento che Anagni non conosceva da anni e che ha visto la partecipazione di tanti iscritti e militanti del PD da ogni parte della Ciociaria ma anche cittadini, che sono tornati in piazza a parlare e ragionare di politica. Proprio come ai vecchi tempi.

Ma che il passato sia ormai alle spalle i dirigenti e gli iscritti ciociari del PD se ne accorgono subito, quando a qualche ora dall'inizio della festa arriva la notizia che il segretario nazionale Guglielmo Epifani non potrà partecipare. Sarà infatti impegnato in un colloquio con il Presidente Giorgio Napolitano, viste le turbolenze del Governo delle "larghe intese" guidato da Enrico Letta.

Una situazione inedita per l'Italia i cui riflessi arrivano fino a piazza Cavour, dove sono presenti svariati giornalisti e troupe televisive nazionali.

Alla fine dopo due ore di buona musica e l'apertura dello stand gastronomico arriva il capogruppo del PD alla Camera dei Deputati Roberto Speranza. Parole di Fuoco quel del deputato democratico, che testimoniano la difficoltà dello stare nel Governo con il PdL: "Non ci può essere ricatto tra sostegno al Governo e decadenza di Berlusconi. Il PD voterà a favore della decadenza" si affretta a ribadire.

E poi sul Governo Letta: "Tra il bene dell'Italia e la nostra sensibilità abbiamo scelto il Paese" ma "questo partito rimane l'unico presidio di democrazia in Italia e l'unica speranza per gl iitaliani". Quindi si sofferma sulle tristi note dolenti delle vicende anagnine legate a Fiorito, con la consapevolezza che la città andrà a votare per le amminstrative l'anno prossimo: "Da qui possiamo far ripartire un cambiamento, con la consapevolezza che non ci può essere spazio per i ladri di polli nella cosa pubblica".alt

Sul palco con Speranza anche il consigliere regionale Mauro Buschini che spiega da parte sua: " "Il mio augurio, al PD di Anagni, è quello di raccogliere e proseguire con il lavoro, nel solco tangibile delle politiche di buon governo che in Regione stiamo portando avanti.  Questo è un segnale importante per tutto il territorio e vuole dire che, da qui, può davvero partire un nuovo sviluppo. Noi possiamo cambiare la cultura stessa di come si amministra la cosa pubblica. Noi siamo un Partito che si sforza di discutere, siamo un Partito forte e radicato sul territorio, che si confronta senza aver paura delle differenze d'opinione e che può rimettere in moto questo Paese. Proprio  oggi, da Anagni, possiamo delineare un nuovo orizzonte.

Quindi prendono la parola i consiglieri comunali di Anagni Egidio Proietti, Aurelio Tagliaboschi e Piero Alonzi, che in un dibattito serale moderato dalla giornalista Daniela Pesoli hanno affrrontato i temi scottanti della città, sanità, ospedale, occupazione, urbanisitica, turismo, ambiente.

A fare gli onori di casa la segretaria provinciale Sara Battisti che ricorda le scadenze e "i percorsi politici trasparenti" che il PD sta seguendo per farsi trovare prontoalt all'appuntamento elettorale di Anagni, su cui si "accenderanno i riflettori naziionali".

Più tardi arriva anche il senatore Francesco Scalia (foto a sx con operai Marangoni) che in una nota spiega a margine della festa: "Anagni rappresenta emblematicamente le sfide che il nostro partito deve affrontare e vincere: tornare al governo di una città dalle straordinarie potenzialità dopo anni di malgoverno della destra, e contribuire a dare risposte alla crisi industriale che investe quel territorio”.

Industrie appunto. In piazza sin dal pomeriggio un drappello di lavoratori della Marangoni, che aspettavano Epifani e che si intrattengono a parlare con l'onorevole Speranza e con Mauro Buschini al termine dei loro interventi. Più volte infatti la piazza riservato applausi e parole di incoraggiamento per questi lavoratori e per le altre situazioni di crisi occupazionale del territorio.

In molti ricordano dal palco gli 81milioni di euro dell'Accordo di programma Governo-Regione che possono risollevare la situazione di crisi occupazionale dell'area nord della Ciociaria e di Anagni.alt

Insomma, dal PD provinciale arriva la sfida, faticosa e difficile, ad impostare un percorso di cambiamento del nostro territorio che parta dal basso, di cui il partito vuole farsi promotore. A cominciare da Anagni, dove la sfida è ormai lanciata e aperta. E chi non ne capisce la posta in gioco, forse, è in cattiva fede.


Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito