il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Fiuggi Futura all’attacco di Martini: «Il cambiamento che non c’è, vendite in calo e pericolo povertà»

Fiuggi Futura all’attacco di Martini: «Il cambiamento che non c’è, vendite in calo e pericolo povertà»

FIUGGI - Torna all’attacco dell’Amministrazione Martini il capogruppo di Fiuggi Futura, Francesco Garofani, che con un manifesto e una nota diffusa nel pomeriggio illustra le posizioni della propria lista: «Il bilancio della Giunta Martini/Festa è pesantemente negativo. In questi anni è cresciuta pesantemente la pressione fiscale comunale a fronte di pochi servizi, scadenti e costosi, e di diffusi disservizi come quelli della viabilità e della raccolta dei rifiuti. Evidentemente,  le scelte amministrative compiute dall'attuale amministrazione hanno impoverito la comunità fiuggina. Gli esempi più evidenti di tale impoverimento sono registrabili sia sul comparto sociale che su quello turistico e industriale. Su quest'ultimo la situazione è particolarmente allarmante. Infatti, l'azienda di produzione delle bottiglie di acqua di Fiuggi sotto la gestione pubblica sta facendo registrare dei risultati ampiamente negativi, con una riduzione dei volumi di vendita di più del 50%.. Si passa da 43 milioni di litri venduti storicamente a soli 20 milioni. Tale negativo risultato commerciale oltre a indebolire sostanzialmente un marchio commerciale come quello dell’«Acqua Fiuggi» ha anche come  conseguenze il mancato pagamento del canone di affitto al comune, il che significa più tasse per i cittadini, e la potenziale precarizzazione del lavoro dei dipendenti del sito industriale.

Per noi tutto questo non è una sorpresa. Al contrario si è verificato ciò che avevamo previsto da subito e che denunciamo puntualmente da anni.
In buona sostanza, si è verificato l'impoverimento complessivo della città a causa di un progetto amministrativo sbagliato voluto da una minoranza.
Ora è il momento che la città si metta a lavoro per ricostruire un progetto di cambiamento concreto e bloccare definitivamente queste scelte di povertà», conclude la nota.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito