il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Ato5, coordinamento Acqua pubblica chiama a raccolta i sindaci prima della Conferenza

Ato5, coordinamento Acqua pubblica chiama a raccolta i sindaci prima della Conferenza

altFROSINONE - "Il 9 settembre è stata fissata la Conferenza dei Sindaci dell’Ato 5 che avrà all’ordine del giorno la discussione sulla risoluzione contrattuale contro il gestore Acea Ato5.

Negli ultimi mesi - scrive in una nota il coordinamento provinciale Acqua Pubblica - si sono susseguiti diversi appuntamenti in Provincia che hanno portato alla messa in agenda della Conferenza del 9/09.

Dopo le due Assemblee dei Sindaci di aprile andate deserte in cui i Comitati dei cittadini hanno preteso che venisse portato all’ordine del giorno la risoluzione contrattuale, i nostri Sindaci sono riusciti (guarda caso) a nominare i nuovi membri della Consulta D’Ambito che nel corso dell’estate si è riunita decidendo il ricorso al Tar per la determina del Commisario ad acta incaricato di revisionare i pianid’ambito e le tariffe dal 2006-2013, ma la questione, che è al primo punto dell’ordine del giorno della Conferenza, è ancora tutta da discutere!

Secondo il Commissario ad acta andrebbero riconosciuti al gestore Acea Ato5 i costi operativi maggiorati per cui il gestoredovrebbe recuperare 75 milioni di euro che noi utenti chiaramente ciritroveremo inbolletta!Di cosa stiamo parlando quando la situazione, che è agli occhi di tutti, è diventata talmentedisastrata, grave, insostenibile che i cittadini calpestati nel loro diritto più inalienabile efondamentale sono arrivati a contestare le bollette illeggittime con un atto di obbedienza civile!!

altSi è privatizzato il servizio idrico - prosegue la nota del coordinamento - mercificando di fatto un bene di tutti essenziale alla vita,e mentre si aspettavano investimenti mai fatti l’acqua è entrata nelle dinamiche del profitto.
La gestione del nostro servizio idrico in questi anni ha danneggiato la risorsa acqua, chi la usa e il suo territorio. Il gestore non ha garantito la qualità dell’acqua, l’efficienza delle reti degli impianti, il funzionamento dei depuratori e condotti fognari, fa pagare con la bolletta investimenti previsti nel piano degli investimenti e mai effettuati, eroga tariffe illegittime con aumenti che disattendono i limiti previsti dalla legge e che vengono applicati retroattivamente, minaccia riduzioni di flusso e distacchi...

Non c’è niente da contrattare con un gestore bandito. Dobbiamo uscire dall’abbraccio mortale del privato, avere il coraggio di riprenderci l’acqua, ristabilire la legalità esoddisfare i diritti della cittadinanza che è l’obiettivo primo della politica.

Il Coordinamento Provinciale Acqua pubblica - conclude quindi la nota - invita tutti i Sindaci all’incontro che si terrà il 5 settembre c.a. presso la sala di rappresentanza dell’Amminstrazione Provinciale in cui spera di dar luogo ad un dibattito ed un confronto positivo in vista di una decisione risolutiva e improrogabile che dovrà essere presa in sede di Conferenza dei Sindaci e che dovrà soddisfare i diritti della cittadinanza della nostra provincia".

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito