il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Fiuggi, approvato dal Consiglio Comunale il nuovo regolamento su referendum cittadini

Fiuggi, approvato dal Consiglio Comunale il nuovo regolamento su referendum cittadini

FIUGGI - Nell'ultimo consiglio comunale è stato approvato il regolamento del referendum cittadino, di tipo propositivo, consultivo e abrogativo.
Il regolamento, punto programmatico della Fiuggi Unita, è stato presentato dal Consigliere delegato alla partecipazione, Elisa Costantini, alla Conferenza Capigruppo e ha ottenuto l'unanimità nella votazione da parte dell'intero Consiglio dello scorso 19 aprile.

La procedura referendaria cittadina può essere attivata dalla popolazione con la presentazione di un quesito referendario sulle materie di competenza locale da parte di un comitato promotore composto da almeno 50 persone. Una volta presentato, il quesito viene sottoposto al giudizio insindacabile di ammissibilità da parte di una Commissione Tecnica. Per la massima garanzia è stato previsto un primo grado di ricorso alla Commissione nel caso in cui, in corso di giudizio, vengano approvati atti amministrativi che possano incidere, anche solo parzialmente, sul quesito posto da parte del comitato promotore.
Perché il quesito possa costituire oggetto di referendum, una volta ritenuto ammissibile, sono necessarie le firme del 10% degli elettori aventi diritto. Le procedure elettorali, da svolgersi in un'unica giornata nella massima partecipazione con la previsione di più seggi, sono regolamentate nel dettaglio, al fine di dare piena garanzia del risultato referendario.
L'esito del referendum diviene valido ed efficace se alla votazione partecipa almeno il 50% + 1 degli aventi diritto e il quesito ottiene la maggioranza dei voti espressi. In caso di esito elettorale positivo nei referendum propositivi e consultivi il Consiglio è tenuto a produrre gli atti conseguenti o a motivare il diniego, mentre nel caso dei referendum abrogativi viene prodotta la caducazione dell'atto.
In quello che è stato un lavoro ampiamente discusso e condiviso con le forze di opposizione, nell'ambito di una materia attuale e mai regolamentata, l'elemento innovativo del atto è senz'altro l'allargamento della base elettorale per garantire una più ampia partecipazione alla vita politica amministrativa locale. Possono infatti votare nei referendum cittadini, oltre agli iscritti nelle liste elettorali: i ragazzi che abbiano compiuto almeno il 16º anno di età, i cittadini stranieri residenti e coloro i quali, pur non residenti, svolgono attività produttiva e commerciale in Città.
Elisa Costantini, soddisfatta per l'ulteriore passo avanti fatto, ha dichiarato: «Nonostante il ritardo legato alle lentezze burocratiche per la trasmissione delle modifiche statutarie, approvate nello scorso anno, si lavora da tempo al regolamento generale sugli strumenti di partecipazione, quali la Consulta e i comitati di quartiere, che completano il lavoro sulla partecipazione previsto nel programma elettorale della Fiuggi Unita. Tale regolamento sarà oggetto delle prossime discussioni nelle commissioni consiliari».


Ultimo aggiornamento Venerdì 26 Aprile 2013 08:16

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito