il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> 5 Stelle, approvata l'espulsione del Senatore ciociaro Mastrangeli: ha partecipato a trasmissioni Tv

5 Stelle, approvata l'espulsione del Senatore ciociaro Mastrangeli: ha partecipato a trasmissioni Tv

altFROSINONE - E' vero, ultimamente la Ciociaria è sfortunata con la politica. A ogni livello.

Niente esponenti ciociari nella Giunta regionale varata da Nicola Zingaretti alla Pisana. Niente più governo Provinciale a palazzo Gramsci, dopo la decadenza di Antonello Iannarilli, dimessosi per partecipare alle regionali e il commissariamento.

Ora la Ciociaria fa capolino, negativamente s'intende,  "all'ordine del giorno" della riunione nazionale dei Senatori - pardonne! cittadini  senatori - del Movimento Cinque Stelle.

Cosa porta il frusinate nei palazzi grillini della politica? Si discute di una espulsione: quella del cassinate Marino Mastrangeli, neoletto a Palazzo Madama e reo di aver violato le regole dei Grillini: non partecipare a talk show televisivi. Così oggi alle 19 il capogruppo Vito Crimi ha convocato i Senatori per votare l'espulsione di Mastrangeli.


«Di tanti problemi che ha l'Italia oggi il M5S si riunirà solamente per discutere un unico punto: la mia esplusione! - ha sentenziato al Tgcom 24 - questo solo perchè mi sono permesso di partecipare alle interviste televisive. Questo è un attentato alla democrazia ed alla Costituzione.

Stasera pretendo che ci sia una diretta streaming perchè la gente dovrà farsi un'opinione e questa non sarà una riunione carbonara che non possono essere più consentite. Purtroppo noi siamo partiti che dovevamo essere il movimento della trasparenza! Non si può espellere un parlamentare - ha aggiunto - perchè parla e ha fatto interviste».

Nel corso dello streaming, Mastrangeli ha argomentato: «Un parlamentare che non parla è un controsenso che non è immaginabile neanche in Corea del Nord».
Ma l'autodifesa non è stata accolta dagli eletti, che a maggioranza hanno votato a favore dell'espulsione del senatore dal gruppo M5S, che dovrà essere confermata dagli iscritti al MoVimento.

Ecco, dunque, non c'è pace tra politica e Ciociaria. Nemmeno nel Movimento Cinque Stelle, la novità della politica italiana. Chissà perché...

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Aprile 2013 22:55

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito