il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Frosinone, ignoti imbrattano sede provinciale PD. La denuncia di Sara Battisti

Frosinone, ignoti imbrattano sede provinciale PD. La denuncia di Sara Battisti

altFROSINONE - La sede del Partito Democratico di via Garibaldi è da settimane oggetto di atti di protesta ignoti che in qualche caso rasentano il vvandalismo, con scritte e manifesti senza firma, che attaccano il partito e il suo operato.

A lanciare delle accuse precise ci ha pensato in un comunicato la segretaria provinciale Sara Battisti che spiega: "Da subito dopo il voto del 24 e del 25 febbraio, la Federazione Provinciale del PD e' oggetto di vili attacchi da parte di ignoti che, attraverso scritte sulla targa esposta all'ingresso della sede o attraverso l' affissione di manifesti, come accaduto nella mattinata di martedì, offendono il lavoro di tante cittadine e cittadini che hanno scelto la militanza e l'impegno politico.


La sede di un partito e' un luogo pubblico, quel luogo che garantisce che la democrazia nel paese continui ad essere partecipata e viva, creando pari condizioni per ognuno, affinché - prosegue la nota - si possa essere parte attiva delle scelte che si compiono. Non mi aspetto un atteggiamento diverso, dato che c'è chi offende e vilipende le Istituzioni del paese oramai da troppo tempo.alt

Istituzioni frutto di una grande stagione di democrazia e di emancipazione, che vorrei ricordare e' costata la vita a molti. Ma la memoria storica di alcuni, In Italia, e' fatta o di revisionismo o di dimenticanze. Dopo il PDL e La Lega Nord, anche il Movimento Cinque Stelle, che avrebbe dovuto apportare cambiamento al sistema politico italiano - continua Battisti - e generare una riscossa culturale per difendere la democrazia, utilizza le stesse modalità di chi ha governato precedentemente, teorizzando assurde occupazioni dei luoghi Istituzionali.

In democrazia la forma e' sostanza e per il M5S, considerando la carenza di contenuti ed atti concreti e' l'unica sostanza, che appare prepotente, arrogante e totalitaria. Lavorare per il cambiamento - cpnclude la segretaria del PD - significa respingere e condannare atteggiamenti di questo tipo, che non appartengono alla nostra tradizione storica e culturale, non farsi intimidire e continuare a servire gli elettori, rispettando le loro scelte elettorali e garantire stabilità e immediate risposte ai problemi drammatici che il paese vive.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito