il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Sanità a Frosinone, il PD attacca: «Sconcerto per distinguo PdL dopo OK a tagli della giunta Polverini»

Sanità a Frosinone, il PD attacca: «Sconcerto per distinguo PdL dopo OK a tagli della giunta Polverini»

FROSINONE - Non ci sta Sara Battisti, Segretario Provinciale PD, al balletto di dichiarazioni in merito ai tagli che hanno duramente colpito le strutture sanitarie della provincia di Frosinone e che minacciano ulteriori gravi conseguenze per la sanità ciociara. In una nota diffusa nella serata di ieri, l’esponente democratica attacca: «Ora Basta, chiediamo serietà e correttezza. I cittadini di questa Provincia sono stanchi di ascoltare proclami propagandistici da chi è stato il maggiore responsabile del disagio che vive il sistema sanitario di Frosinone.

È sconcertante, ridicolo ed offensivo per le nostre intelligenze assistere al tentativo dei maggiori esponenti del Pdl e del centrodestra di riaccreditarsi dopo avere sostenuto e votato tutte le procedure di Renata Polverini.
Assistiamo quotidianamente allo smantellamento dei servizi per i cittadini della nostra provincia, dalla Sanità ai trasporti,  che evidenziano il fallimento politico e amministrativo di Renata Polverini, Mario Abbruzzese, Antonello Iannarilli e di tutta quella filiera che in questi  anni ha aggravato la situazione del servizio sanitario e non garantito il diritto alla salute per i cittadini.
I nostri riferimenti istituzionali domani saranno presenti alla manifestazione a salvaguardia dell'ospedale di Sora, a sostegno dei cittadini e dei comitati civici affinché quella struttura venga salvaguardata. Chiediamo con forza al commissario Bondi di bloccare ogni proposta di ridimensionamento della sanità del Lazio, a pochi mesi dalle elezioni che daranno un nuovo governo alla nostra Regione.

Se viviamo questa situazione, la responsabilità è tutta in capo alla ex governatrice, al piano di riordino votato in consiglio regionale da Mario Abruzzese e da tutti coloro che oggi tentano di nascondere i danni da loro stessi causati. Dov’era Mario Abbruzzese, Presidente del Consiglio Regionale, mentre si predisponeva un piano che avrebbe portato alla chiusura di ospedali e raparti importanti? Perché sosteneva quei provvedimenti? La smettessero di raccontare frottole ai cittadini del nostro territorio. Il fallimento politico e amministrativo è sotto gli occhi di tutti. Avere avallato il criterio delle macro-aree volute dal governo regionale ha portato a tutto questo, a scapito delle strutture sanitarie della nostra Provincia. Sul tema dei rifiuti hanno varato un piano per portare i rifiuti di Roma e di Latina nella nostra Provincia. Hanno bloccato il sistema del diritto allo studio. Hanno azzerato tutte le possibilità di investimento e di sviluppo. Non hanno sostenuto le imprese e lasciato soli gli enti locali. Hanno governato con l'arroganza di chi rappresenta interessi di parte e di privilegio. Il momento dei cieli azzurri e della propaganda è finito, i cittadini del nostro territorio non meritano tutto questo, oltre al danno la beffa di sentirsi raccontare bugie.

È il momento di raccontare ai cittadini la verità con realismo e prospettando e costruendo insieme risposte e proposte realizzabili. Come è stato per la vicenda del riordino delle province, così come per riordino della sanità non abbiamo bisogno di costruire una nostra visibilità facendo proclami ma il Partito Democratico di Frosinone crede sia necessario affidare la razionalizzazione della spesa che grava sul sistema sanitario al prossimo governo della Regione Lazio, impegnandosi, come sempre, affinché questa razionalizzazione tenga conto di un principio inviolabile, garantire pari opportunità e quindi eguale servizio a tutti i cittadini del Lazio, difendendo il diritto alla salute, attraverso il servizio sanitario pubblico, indistintamente per tutti i cittadini».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito