il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Anagni, nella nuova Giunta non c'è Peppe Viti. Valzer di deleghe tra i consiglieri. Noto: "Opposizione non collaborante"

Anagni, nella nuova Giunta non c'è Peppe Viti. Valzer di deleghe tra i consiglieri. Noto: "Opposizione non collaborante"

altANAGNI - Il rimpasto è fatto. Dopo lunghe settimane di attesa, con il terremoto Fiorito in casa, l'amministrazione comunale della città dei Papi, guidata dal sindaco Carlo Noto, ha la sua nuova Giunta.

E' stata una settimana di fuoco per il centrodestra anagnino, tra riunioni di maggioranza, faccia a faccia con i gruppi consiliari e consigli comunali aperti. Finalmente però il sindaco Noto sembra essere giunto alla quadratura del cerchio. Fa clamore l'esclusione dall'esecutivo dell'assessore al Bilancio Giuseppe Viti, braccio destro di Fiorito in città e ora fuori anche dal Consiglio comunale.

«A seguito di incontri e riunioni politiche, ma anche all’indomani dell’ultimo Consiglio Comunale, – spiega il primo cittadino in un comunicato  – siamo pronti ad affrontare i prossimi mesi di vita amministrativa che ci accompagneranno fino al 2014, procedendo con un rinnovamento politico-amministrativo definito per dare continuità al programma di governo, ma soprattutto per intensificare il lavoro nei prossimi mesi.

Nel corso dell’ultima Assise civica si è delineato un programma sul quale andremo a lavorare in maniera prioritaria, insieme alla maggioranza che mi sostiene; per quel che riguarda l’opposizione, ancora una volta non perde occasione di screditare il nostro operato, di strumentalizzare le problematiche e di “fare politica” senza cogliere l’invito a collaborare per il bene di Anagni e del territorio.

altAl contrario, è emerso chiaramente il tentativo di insinuare falsi convincimenti che non corrispondono alla realtà, evidenziando comportamenti e numeri di Bilancio interpretati in modo decisamente errato. Il mio convincimento è che i risultati  si vedono alla fine: siamo pronti ad arrivare a fine mandato dimostrando di essere un’Amministrazione  prestante e valida per la realizzazione di progetti che mirano a uno sviluppo permanente per la nostra città.
Ho riprogrammato la distribuzione di deleghe e subdeleghe, e  gli ambiti di competenza dei funzionari comunali,  proprio perché il governo della città sia più incisivo in questi prossimi mesi.  Non è stata effettuata alcuna rimozione legata alla vicenda del “Laziogate”, come invece finora qualche voce infondata ha voluto evidenziare.
Con questa finalità ho assegnato le nuove deleghe anche nel rispetto delle direttive del Governo Monti e del principio  della “spending review”.

Dopo aver ascoltato i consiglieri, i capigruppo e dopo attente valutazioni scaturite da riflessioni popolari e considerazioni politiche e tecniche, ho assegnato -ha spiegato Noto -  le deleghe assessorili e consiliari, riconfermando l’intenzione di portare avanti un operato incisivo per la città, anche in considerazione del fatto che un territorio come quello di Anagni per essere amminisalttrato richiede impegno e collaborazione di tutti, a 360 gradi. Proprio questa è la finalità delle subdeleghe ai consiglieri».

Questa è l’organizzazione prevista e rimodulata secondo un totale cambiamento: Daniele Natalia Vice Sindaco e Assessore (Cultura; Grandi Eventi; Turismo; Industria); Roberto Versi Assessore (Verde Pubblico; Sport; Tecnologico Manutentivo; Politiche per la Casa); Guglielmo Retarvi Assessore (Ambiente; Assicurazioni; Tributi; Attività Estrattive); Luigi Galliano Vecchi Assessore (U.R.P;. Anagrafe; Personale); Vittorio D’Ercole Assessore (Urbanistica; Pianificazione e Assetto del Territorio). Consiglieri con delega: Paolo Frattale (Patrimonio; Agricoltura; Bilancio); Simone Pace (Spettacolo; Artigianato; Commercio); Vincenzo Ciprani (Contenzioso); Alfredo Cicconi (Viabilità, Trasporti; Nettezza Urbana); Danilo Tuffi (Servizi Sociali; Politiche Giovanili e della Famiglia; Cilo); Antonio Di Giulio (Pubblica Istruzione; Affari Generali); Alessandro Cardinali (Lavori Pubblici; Edilizia Scolastica); Mario D’Angeli (Project financing; Riqualificazione del Centro Storico; Arredo Urbano); Alessio Fenicchia (Protezione Civile; Sicurezza; Polizia Municipale); Antonio Olevano (CED; Sanità; Volontariato).
Novità anche per i funzionari comunali che eserciteranno secondo nuovi ambiti di competenza.

«Voglio ringraziare l’operato dell’Assessore Giuseppe Viti – conclude il Sindaco Noto – che ha dimostrato capacità rilevanti nel realizzare manifestazioni che hanno dato lustro e risonanza alla nostra città, come la kermesse “Rosso Cesanese”».

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Novembre 2012 19:16

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito