il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Lazio, il Governo rafforza la «moral suasion» sulla dimissionaria Polverini per voto il 16 dicembre

Lazio, il Governo rafforza la «moral suasion» sulla dimissionaria Polverini per voto il 16 dicembre

ROMA - Si accentua il pressing del ministro dell’Interno, Annamaria Cancellieri, sulla dimissionaria governatrice del Lazio Renata Polverini per sciogliere il nodo della data del voto per il rinnovo del Consiglio Regionale. Ieri la governatrice è stata convocata dal ministro per fare il punto: Cancellieri avrebbe insistito per convocare le elezioni entro il 16 dicembre (essendo impraticabili le date del 24 e del 30, a ridosso delle festività), garantendo «la totale disponibilità degli uffici del ministero dell'Interno a fornire tutto il necessario supporto tecnico per arrivare rapidamente al rinnovo degli organi regionali». La Polverini, che ha voluto evitare i giornalisti, ha ribadito di voler firmare il decreto soltanto quando sarà sicura che risulterà inoppugnabile. Ma l’impressione è che i dubbi e le perplessità siano soprattutto di natura politica.
Intanto si intensifica anche l’azione politica dell’opposizione consiliare: in una nota la Federazione di Frosinone del PD afferma: «In queste settimane abbiamo assistito, alla delegittimazione pressoché totale della Regione Lazio piegata dal degrado e dal malcostume del governo di Renata Polverini.
La totale negazione dei concetti di “bene comune” e “interesse generale” ha portato alla deriva un ente decisivo per la vita di oltre 5 milioni di persone. Di fronte a questa emergenza democratica, chiediamo che sia restituita al più presto la parola agli elettori per ridare dignità e credibilità alle Istituzioni.
I cittadini del Lazio hanno il diritto di tornare a scegliere i propri rappresentanti e ricominciare ad essere protagonisti del proprio futuro. La Provincia di Frosinone è stata già duramente colpita dal malgoverno delle destre. Oggi, gli amministratori locali, il mondo produttivo, i lavoratori, i cittadini tutti hanno bisogno, in breve tempo, di un interlocutore istituzionale serio e riconosciuto per affrontare al meglio una crisi economica e sociale sempre più soffocante.
C’è bisogno di uno scatto d’orgoglio da parte dell’intero territorio, fatto di gente laboriosa ed operosa, cittadini e cittadine per bene che nulla hanno a che fare con chi li ha governati negli ultimi mesi. Il Partito Democratico, i Socialisti, la Federazione della Sinistra, i Verdi, Sinistra Ecologia e Libertà aderiscono all’appello per la democrazia nella Regione Lazio e chiedono alle associazioni, ai movimenti e a tutti i cittadini e le cittadine della Provincia, di partecipare al sit-in che si terrà mercoledì 17 ottobre alle ore 17,30 in Piazza della Libertà ( Prefettura) a Frosinone, affinché si ristabilisca un principio di democrazia nella nostra Regione e si torni subito al voto».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito