il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Lazio, si tornerà al voto entro la prima metà di dicembre, con candidati estemporanei

Lazio, si tornerà al voto entro la prima metà di dicembre, con candidati estemporanei

ROMA - Al termine degli approfondimenti giuridici compiuti dai dirigenti del Ministero dell’Interno il Ministro Anna Maria Cancellieri ha confermato che nel Lazio si tornerà al voto entro 90 giorni dallo scioglimento del Consiglio Regionale, decretato dal Presidente Mario Abbruzzese il 28 settembre scorso. Il giorno esatto dovrà essere però indicato dall’ex-Presidente Renata Polverini, come previsto dallo Statuto della Regione Lazio.
Per le Regioni non è possibile sostituire il presidente con un commissario come accade nel caso dei sindaci: per questo il ministro ha commentato: «prima si va alle elezioni e meglio è». La data potrebbe dunque essere compresa tra il 25 novembre e il 16 dicembre.

Una posizione che soddisfa la richiesta del capogruppo PD Esterino Montino, che aveva più volte richiesto una accelerazione delle procedure per tornare al voto il prima possibile. Se Montino ha annunciato il suo ritiro dalla scena politica del Lazio dopo diversi decenni, il PD potrebbe schierare il segretario regionale Enrico Gasbarra o l’eurodeputato David Sassoli. Non c’è due senza tre: dopo Badaloni e Marrazzo sarebbe il terzo giornalista Rai ad approdare ai vertici della Pisana per conto del centro-sinistra.
Più in difficoltà il centro-destra, nel cui campo sono più le defezioni rispetto ai candidati disposti a mettersi in gioco. Renata Polverini si è detta immediatamente indisponibile alla candidatura, e punta probabilmente ad un ruolo nazionale. Anche il suo avversario interno, Antonio Tajani, preferisce la sicurezza del prestigioso ruolo di vicepresidente UE lasciando campo aperto forse ad un’altra donna: circolano i nomi di Giorgia Meloni e Luisa Todini, che avranno non poche difficoltà a rimettere in piedi il PdL dopo lo scandalo del Laziogate e l’esplosione dello scandalo di “Batman” Fiorito.
Ma bisognerà vedere anche se l’accelerazione di queste ore non lascerà spazio per la comparsa di terzi incomodi: il Movimento 5 Stelle farà di certo fatica ad organizzarsi in così poco tempo, ma di sicuro i suoi candidati potranno avvantaggiarsi della enorme perdita di credibilità dei partiti della II Repubblica.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito