il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Consiglio regionale, tagli alle commissioni all'unanimità. Polverini in aula: "Mi sento di andare avanti"

Consiglio regionale, tagli alle commissioni all'unanimità. Polverini in aula: "Mi sento di andare avanti"

ROMA - «Se ve la sentite di andare avanti? Io me la sento». Sono le parole di pochi minuti fa di Renata Polverini davanti al Consiglio regionale del Lazio. Niente crisi politica dunque e niente dimissioni dopo la detonazione del «caso Fiorito».

L'assise presieduta da Mario Abbruzzese, infatti,  ha approvato, all'unanimità (69 favorevoli su 69 votanti), la proposta di legge regionale 388 che prevede la soppressione delle commissioni consiliari speciali "Federalismo fiscale e Roma Capitale", "Sicurezza ed integrazione sociale, lotta alla criminalità", "Sicurezza e prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro", istituite con legge regionale n. 5/2010. Con la stessa legge regionale n. 5/2010 era stata istituita anche la commissione speciale "Giochi olimpici 2020 e grandi eventi", soppressa con legge regionale n. 5/2012 del 18 maggio 2012.

 

L'approvazione da così attuazione al primo intervento dell'ordine del giorno 299 approvato dall'Aula lunedì scorso, la cosiddetta proposta Polverini su cui si è giocato l'aut-aut della Presidente- che appunto prevede il "dimezzamento delle commissioni consiliari e la cancellazione delle commissioni speciali".Tanto è bastato per il dietrofront della Presidente.

I lavori stanno proseguendo, da questa mattina. Intanto dopo lunga discussione sul testo unificato delle proposte di delibera consiliare, per le modifiche al regolamento dei lavori del Consiglio, relative, appunto, al dimezzamento del numero di commissioni permanenti, il Consiglio ha approvato il "dimezzamento" all'unanimità. Le commissioni passeranno così da sedici a otto.

Intanto dopo le dimissioni del successore di Franco Fiorito alla guida del Gruppo PdL Lazio, Francesco Battistoni, ecco arrivata la nomina di Chiara Colosimo come capogruppo: «Con questo voto andiamo a sancire - sono state le prime parole della Colosimo - che abbiamo preso la strada giusta che dice 'basta sprechi', 'basta anti-politica' e attenzione verso i cittadini perché noi possiamo fare la differenza». La testa di Battiston era stata chiesta dalla stessa Polverini, che al termine del suo intervento ha lanciato una frecciata polemica al segretario del PD, Pierluigi Bersani, chiedendo: «Non capisco perché mi debbo dimettere io per Fiorito, e non si debba dimettere lui per Penati e Lusi».

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Settembre 2012 16:57

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito