il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Anagni, contenzioso Convitto-Chiesa: accordo tra Provincia e Comune per salvare il Regina Margherita

Anagni, contenzioso Convitto-Chiesa: accordo tra Provincia e Comune per salvare il Regina Margherita

ANAGNI – Un accordo che verrà formalizzato tra lunedì e martedì prossimo e che vede Comune di Anagni, Provincia di Frosinone e Convitto Regina Margherita sottoscrivere un articolato che, se confermato nei contenuti emersi ieri nel corso della commissione consiliare istruzione, contribuirà a risolvere parte dei problemi che attanagliano il Convitto Regina Margherita da molti anni.

 

E’ quanto è emerso, ieri mattinata, nel corso della commissione consiliare istruzione, convocato per analizzare la vicenda che riguarda i locali contesi tra Convitto Regina Margherita (foto a dx) e parrocchia di San Giacomo e l’intera attività convittuale, in preparazione del consiglio comunale aperto di martedì, richiesto da 12 consiglieri, di cui 4 di maggioranza.

Grazie a questi ultimi, ed ai numerosi interventi del consigliere provinciale Mario Felli, la politica anagnina si è mossa in questi giorni e si è occupata di una istituzione, quella del Convitto Regina Margherita, da anni al centro di vicende che non hanno visto mai l’attenzione  delle istituzioni locali. Ieri il primo atto del’appuntamento consiliare in merito. Presso Palazzo da Iseo (foto a sx) si è riunita la commissione consiliare, presieduta dal consigliere del Pd, Aurelio Tagliaboschi (foto in basso dx), che ha sostituito il titolare, il consigliere Olevano, assente giustificato.

Nel corso della riunione l’importante novità e l’annuncio dell’imminente firma dell’accordo tra le tre istituzioni coinvolte. L’accordo prevede, a quanto hanno riferito i membri che hanno partecipato alla commissione consiliare, che il Comune di Anagni rinunci a tutte le somme di denaro che la Provincia di Frosinone deve all’ente e che corrispondono ai canoni di locazione che l’ente di Piazza Gramsci deve al Comune per l’affitto dei locali della scuola elementare di San Giorgetto ove sono ubicate le classi del Liceo classico “Dante Alighieri” e che sono in arretrato dal 1991. La Provincia si impegna a corrispondere queste somme al Convitto Regina Margherita.

Il denaro stanziato verrà destinato a risolvere i problemi che il Convitto sta attraversando, in particolare alla messa in sicurezza di alcuni locali della storica istituzione educativa. L’accordo prevede poi che, relativamente alla vicenda che riguarda i locali contesi, al Convitto resta la disponibilità del refettorio e, nelle prime settimane dell’anno scolastico, il servizio di refezione si svolgerà a mezzo catering, in attesa del ripristino dei locali cucina, soprattutto in virtù degli esiti giudiziari.

Inoltre l’accordo che verrà ratificato nei prossimi giorni, prevede che alle somme stanziate dalla Provincia si aggiunga un contributo della diocesi di Anagni-Alatri. Il Comune di Anagni, invece, come ristoro per la rinuncia ai canoni di locazione, si vedrà riconosciuto l’uso gratuito del Parco del Convitto, ovvero del parco sito in Viale Giacomo Matteotti. Dunque un risultato che nel giro di pochi giorni è stato trovato dalle parti interessate.

Risultato probabilmente determinato anche dall’opera di mediazione effettuata dal Prefetto di Frosinone, Eugenio Soldà, che ha determinato l’inizio di una collaborazione tra le varie istituzioni interessate che ha condotto a questo risultato che dovrà, comunque, essere formalizzato.

Puntuale il commento dei 12 consiglieri firmatari della richiesta di convocazione dell’assise aperta sul Convitto: “Siamo moderatamente soddisfatti di quanto emerso nel corso della commissione – hanno dichiarato unanimemente – senza però dimenticare quanto accaduto nelle scorse settimane. Le ultime vicende, infatti, rimangono gravi e meritano tutta la nostra condanna. Per parte nostra, in attesa del Consiglio comunale che sarà la sede per ulteriori approfondimenti e discussioni, restiamo in attesa della firma sull’accordo e, quindi, vigileremo affinchè questo avvenga ed affinchè il contenuto sia quello annunciato in commissione”.

Dunque, al di là dell’accordo, il Consiglio comunale di martedì alle ore 18, resta confermato e sarà la sede per altri interessanti scambi di opinioni ed approfondimenti circa il Convitto Regina Margherita, le sue criticità e le sue preziose attività.

 

Guglielmo Cecilia

"Ciociaria Oggi"

Ultimo aggiornamento Sabato 08 Settembre 2012 13:47

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito