il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Frosinone, ATO5: nuovo flop dell'assemblea dei Sindaci. E Iannarilli annuncia un dossier su Acea

Frosinone, ATO5: nuovo flop dell'assemblea dei Sindaci. E Iannarilli annuncia un dossier su Acea

FROSINONE - Dunque i Sindaci non sono riusciti nemmeno a svolgere un'assemblea. All'Ato5 è sempre più caos.

Ieri infatti, nel salone di rappresentanza del palazzo provinciale, è andata nuovamente deserta l'assemblea d'ambito dei Sindaci dei comuni le cui condotte idriche sono gestite da Acea, con 27 presenze su oltre ottanta aventi diritto.

All'ordine del giorno dell'assise presieduta dal responsabile dell'amministrazioone provinciale Antonello Iannarilli, il rinnovo della consulta d'ambito che deve sostituire quei primi cittadini non rieletti nei rispettivi comuni dopo le elezioni. Tra centrodestra e centrosinistra ciociari la bagarre sulla vicenda era cominciata già il 6 agosto scorso, quando un'altra assise era andata deserta senza però non pochi strascichi polemici. Oggi non c'è stata voglia di fare nemmeno quelli.

E' chiaro infatti che l'ennesima fumata nera dell'assemblea certifica non solo il commissariamento di diritto dell'Ato5, che ha già prodotto il ben noto aumento della tariffa idrica a svantaggio degli utenti, ma anche quello di fatto o, se vogliamo, quello morale. I rappresentanti dei cittadini sono impossibilitati, e forse non vogliono, rappresentare per quel che gli compete i cittadini che li hanno eletti nell'ambito di un servizio, quello idrico, così importante quanto delicato. La situazione è troppo compromessa.

Eppure l'emergenza idrica di questa estate è sotto gli occhi di tutti. Acqua che non arriva o è irregolare in moltisisme case della Ciociaria, perdite che continuano ad esserci ad ogni angolo della Provincia, incertezze sui crediti che i comuni vantano verso l'Ato5, numerosi tavoli aperti sul fronte dei contenziosi, quelli che contrappongono il gestore all'Ente Provincia e viceversa.

Proposte di buon senso sono pure state elaborate, come quella del sindaco di S.Donato Valcomino Antonello Antonellis: inchiodare il gestore alle 24ore per le riparazioni delle perdite, trovare una soluzione equa per uscire dai contenziosi e altre ancora. Ma queste rare perle di buon senso sembrano di là da divenire scelte concrete.

La cronaca di ieri comunque registra la scelta dei Sindaci di centrosinistra di rinunciare ai posti nella Consulta e l'enneismo affondo del Presidente Iannarilli che promette un dossier sulle inadempienze di Acea per portare al voto dei Sindaci la risoluzione del contratto del gestore del servizio idrico.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito