il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Anagni, ex Videocolor: drappello di Eurodeputati va in pressing sul Governo

Anagni, ex Videocolor: drappello di Eurodeputati va in pressing sul Governo

ANAGNI - Continua il pressing "europeo" sul Governo italiano perché si attivi per dare una risposta concreta dopo il fallimento della ex Videocolor.

Su iniziativa dell'eurodeputato PD Francesco De Angelis infatti, gli onorevoli che siedono al Parlamento europeo (nella foto) eletti nella circoscrizione "Italia centrale" hanno scritto una lettera al Ministro dello sviluppo economico Corrado Passera e al ministro del welfare Elsa Fornero.

Tra i fimatari De Angelis appunto, Gualtieri, Milana e Sassoli del Pd, Pallone, Angelilli e Bartolozzi del PdL, e Rinaldi dell'Idv.

"Anche nel corso del recente vertice europeo del 28 e 29 giugno -ha spiegato De Angelis - il tema delle politiche per combattere la disoccupazione ha occupato buona parte della discussione, ivi compreso l'invito rivolto agli Stati membri ad implementare i Piani Nazionali per l'Occupazione.

Per questa ragione dopo il notevole impegno mostrato dal governo italiano in sede europea per il raggiungimento dell'accordo politico intergovernativo, conseguente impegno deve essere rivolto sul piano interno e in particolare in relazione alle aree industriali a rischio di imminente chiusura".

"Tra queste - prosegue De Angelis - la Videocon di Anagni, ex Videocolor, rappresenta un caso emblematico, perché dopo essere stata acquistata dal magnate indiano dell'elettrodomestica nel 2005, ha progressivamente ridotto le sue produzioni fino a interromperle, relegando i suoi 1.300 dipendenti alla Cassa Integrazione e presentando un'istanza di fallimento che avrebbe effetti drammatici sul tessuto sociale del Lazio meridionale.

La verità è che gli indiani hanno acquisito la Videocolor al fine di entrare in possesso dei suoi brevetti e della sua tecnologia, per poi delocalizzarne la produzione in Paesi terzi. E tutto questo sta avvenendo nonostante la proprietà indiana negli anni abbia beneficiato di sostanziose risorse pubbliche che dovevano servire a rilanciare la produttività del sito di Anagni".

"Rivolgiamo quindi un accalorato appello ai Ministri Fornero e Passera - conclude De Angelis - affinché il Governo identifichi una soluzione industriale valida, dichiarando lo stato di crisi dell'area industriale, mantenendo l'accordo di programma in atto con le relative risorse impegnate, e assicurando quindi un futuro all'azienda, ai suoi lavoratori e ai dipendenti dell'indotto".

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito