il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Parlamento UE, nuove regole per le banche. Soddisfazione da parte di Pallone (PdL)

Parlamento UE, nuove regole per le banche. Soddisfazione da parte di Pallone (PdL)

BRUXELLES - «Sono soddisfatto dell’esito del voto della Commissione Economica sul Dossier di Basilea 3 sui requisiti di capitale delle banche, volto a irrobustire il sistema bancario innalzando il capitale di garanzia che le banche devono detenere», ha dichiarato Alfredo Pallone, portavoce dei Deputati PDL al Parlamento europeo e membro della Commissione Affari economici, a margine del voto sul Rapporto Karas, sul cosiddetto “pacchetto CRD IV”.

«In una fase di crisi come quella attuale è fondamentale agire su due fronti: introdurre regole ferree perché non si verifichino situazioni come quelle che hanno dato vita alla crisi, ma, al contempo, occorre evitare che tali regole pongano un freno alla crescita e allo sviluppo.

La tesi, da me sostenuta e accolta dal relatore, di introdurre un fattore di sconto per le PMI, il supporting factor, si pone proprio questo obiettivo: coniugare l’esigenza di rafforzare il settore finanziario ma evitare che queste regole abbiano conseguenze per l'economia reale, per l'accesso al credito. Il vero problema di questi mesi, infatti, è far ripartire l'economia e, per farla ripartire, occorre incentivare l'iniziativa imprenditoriale che rappresenta l'ossatura del nostro Paese», ha spiegato Alfredo Pallone.

«Questa mia proposta, che ha trovato il sostegno dei colleghi, è stata da me introdotta per la prima volta nel testo del Regolamento volto a recepire a livello europeo l’accordo di Basilea 3 sui requisiti di capitale delle banche. Il testo iniziale approvato dalla Commissione europea non conteneva alcun riferimento al supporting factor, né ad altri meccanismi volti a sostenere l’economia reale.

Accanto al supporting factor sono stati approvati tutta una serie di miei emendamenti fondamentali per il sistema Italia. In particolare sulle partecipazioni in entità rilevanti, per distinguere le partecipazioni delle banche in assicurazioni tradizionali che non svolgono attività finanziaria e che non implicano un ruolo di controllo, direzione o coordinamento rispetto alle altre, sulle banche sprovviste di rating - per le quali sono stati accolti i miei emendamenti sulla non applicazione di un rating più basso di quello del Paese - e sul mantenimento della discrezionalità delle banche centrali di inserire un fattore di sconto, sulle obbligazioni bancarie garantite e sulla ponderazione del debito sovrano che nell'attuale fase di turbolenza non é il caso sia modificata», ha concluso Alfredo Pallone.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito