il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Frosinone, siglato il Patto per il Rilancio dello Sviluppo del territorio provinciale

Frosinone, siglato il Patto per il Rilancio dello Sviluppo del territorio provinciale

FROSINONE - Una data importante quella odierna per la provincia di Frosinone. Per la prima volta tutte le rappresentanze territoriali hanno sottoscritto un piano per il rilancio del territorio basato su pochi e precisi obiettivi da cogliere in breve tempo. Soprattutto obiettivi per i quali sono individuabili le necessarie risorse ed effettivamente attuabili.
Il Comitato provinciale per il Lavoro e lo Sviluppo economico è stato istituito ai sensi dell’art. 6 dello Statuto della Provincia di Frosinone,  e si è riunito presso la Sala consiliare della Provincia di Frosinone, presieduto e coordinato da Antonio Salvati, Consigliere provinciale delegato dal Presidente della Provincia, Antonello Iannarilli. Ieri, a fianco di Iannarilli e Salvati, erano presenti anche i consiglieri Ruggeri e Patrizi che hanno dato un valido contributo alla discussione. «Non posso che complimentarmi con il consigliere Salvati – afferma il Presidente Iannarilli – che ha svolto come è evidente un ottimo lavoro con il Comitato. Ed è a tutti i membri di questo importantissimo organismo che va la mia più profonda stima per aver accolto il nostro richiamo alla collaborazione e per la loro lungimiranza, per offrire una reale possibilità alla nostra terra di guardare al futuro con un disegno preciso e dettagliato e che possa rimettere in moto un’economia tragicamente depressa. Il risultato raggiunto oggi, infatti, quello di vedere tutti intorno a un tavolo a progettare per il territorio con franchezza e unità d’intenti, è il prodotto di un approfondito dibattito sulla situazione di crisi economica e sociale del territorio e l’individuazione delle iniziative concrete e realizzabili da intraprendere, nel breve-medio periodo.
Quella odierna – aggiunge il Presidente della Provincia di Frosinone – è una data importante. Io, in qualità di Presidente della Provincia, prendo atto del documento sottoscritto e porrò tutto il mio impegno per portare a realizzazione tutto ciò che sarà possibile. Il prossimo passo è il coinvolgimento anche dell’Assemblea dei Sindaci che ritengo fondamentale per il raggiungimento degli scopi qui proposti».
«La soddisfazione per aver messo questa prima pietra alla costruzione del rilancio della nostra provincia deve giustamente inorgoglirci ma non deve far diminuire la nostra attenzione sull’operatività – dice il Presidente del Comitato per lo Sviluppo, Antonio Salvati. Si tratta di un atto fondamentale, di portata storica quanto alla partecipazione e alla valenza strategica ma ora dobbiamo seguire con vigore e abnegazione la sua parte applicativa che sarà difficile e complessa. La volontà di riuscita e la serietà nel lavoro dimostrata da tutti gli attori di questo comitato mi da la certezza che ce la faremo, tutti consapevoli di avere una grande responsabilità sulle spalle e di dover gestire il periodo più difficile dal dopoguerra a oggi.  Tengo molto a sottolineare – aggiunge Salvati – che la Provincia di Frosinone e il Comitato per lo Sviluppo, oltre all’impiego di risorse proprie, sono chiamati al ruolo
di coordinamento, di indirizzo e di controllo dei finanziamenti regionali, nazionali e comunitari, anche in collaborazione con le forze sociali e con i soggetti istituzionali. A tale scopo il Comitato prende atto dei progetti in corso di attivazione o di realizzazione da parte di Enti locali e sovracomunali della provincia di Frosinone e provvederà a monitorare le iniziative progettuali di tutti gli altri Comuni, Unioni di Comuni, Comunità montane, Gal, Consorzi di bonifica ed altri Enti, volti allo sviluppo economico e all’incremento dell’occupazione».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito