il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Stabile ex-OMNI di Acuto: il sindaco Agostini scrive al presidente Iannarilli: «Trovare soluzioni»

Stabile ex-OMNI di Acuto: il sindaco Agostini scrive al presidente Iannarilli: «Trovare soluzioni»

ACUTO - Una soluzione che consenta di impiegare lo stabile ex-OMNI di Acuto e recuperarlo dal degrado in cui ormai versa l’imponente struttura che sorge proprio all’ingresso del centro abitato. È questa in sintesi la richiesta che il sindaco di Acuto, Augusto Agostini, è tornato a rivolgere al presidente della Provincia di Frosinone, on. Antonello Iannarilli, a due anni di distanza dall’approvazione all’unanimità di questa richiesta da parte dell’intero consiglio comunale.
Nella missiva, che riportiamo integralmente di seguito, si suggerisce anche la possibilità di ricorrere ai finanziamenti previsti per realizzare strutture ricettive e ostelli dalla normativa regionale:

«Egregio Presidente,
nel luglio 2010 il Consiglio Comunale di Acuto ha approvato all'unanimità un o.d.g, con il quale si sollecitava la Provincia ad affrontare il problema dello stabile ex OMNI, sito nel nostro Comune ma di proprietà della Provincia.
Quell'ordine del giorno, che vi è stato inviato e sollecitato, non ha trovato ad oggi alcun riscontro concreto da parte vostra.
L'ex-OMNI di AcutoComprendiamo perfettamente le oggettive difficoltà di soluzionare questo problema che peraltro, e per decenni, è rimasto colpevolmente nel dimenticatoio; ma questo non può essere motivo sufficiente per continuare a non affrontarlo.
È invece indispensabile e non più rinviabile mettere in piedi azioni concrete finalizzate alla ricerca di soluzioni per uno stabile il cui degrado diventa ogni giorno più grave.
A tal proposito, e fermo restando la vostra podestà sul sito e la nostra convinzione che qualsiasi soluzione ed utilizzazione da parte di privati o istituzioni pubbliche sarebbe benvenuta, ci permettiamo di segnalare la ulteriore opportunità costituita dagli interventi per strutture ed Ostelli per la gioventù di cui alla D.G.Ro n° 511 DEL 28/10/2011 che andrebbe verificata nella sua fattibilità, anche pluriennale, conI'Assessorato Regionale di riferimento.
In ragione di tutto quanto detto vengo ancora a sollecitarvi ad affrontare questo problema in tempi non più rinviabili e con l'intento di arrivare ad una soluzione.
Confidando nel vostro impegno tempestivo e concreto e restando in attesa di riscontro, invio cordiali saluti».

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 13 Aprile 2012 08:16

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito