il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Trevi nel Lazio, l’opposizione chiede dimissioni dell’assessore Cecconi: «Evidente inopportunità politica»

Trevi nel Lazio, l’opposizione chiede dimissioni dell’assessore Cecconi: «Evidente inopportunità politica»

TREVI NEL LAZIO - Sabato 24 marzo i consiglieri di opposizione del Comune di Trevi Nel Lazio Silvio Grazioli e Pietro Salvatori, hanno presentato un'interrogazione ai sensi dell'art. 23 dello statuto comunale, inerente gli aspetti relativi alla convenzione stipulata tra il Comune di Trevi ed il Comune di Cori per la gestione del servizio del segretario comunale, convenzione proposta e spiegata nel Consiglio Comunale di Trevi dall'assessore al personale Vincenzo Cecconi. I consiglieri di minoranza Grazioli e Salvatori,  hanno avuto notizia che vi è stata una convenzione tra il Comune di Piglio ed il Comune di Cori, in base alla quale lo stesso Vincenzo Cecconi, è stato nominato  comandante della Polizia Locale di Cori.  «Appare di tutta evidenza l'incongruenza politica nella quale è venuto a trovarsi l'Assessore  Cecconi -commentano i due consiglieri di minoranza-  il quale da un lato ha proposto e votato una convenzione con il Comune di Cori e dall'altra è stato assunto presso lo stesso Comune; ragion per cui il segretario comunale, voluto anche dall'Assessore al Personale nel Comune di Trevi Nel Lazio deve attuare gli indirizzi  che impartisce lo stesso Assessore al Personale, mentre a Cori deve dare gli indirizzi alla medesima persona nelle vesti di comandante della Polizia Locale. Pertanto vista la situazione politica determinatasi si chiedono le immediate dimissioni dal Consiglio Comunale dell'Assessore Cecconi, che a ragione della minoranza appare in una situazione di totale inopportunità politica, dall'altro canto chiedono al Sindaco, nel caso in cui l'Assessore non volesse dimettersi, di revocare ogni delega di Giunta all'Assessore Cecconi ed in particolare di quella al Personale».
La questione sarà oggetto di discussione nel prossimo Consiglio Comunale, un fatto comunque questo che accentua la situazione di criticità della maggioranza del Sindaco Pierfilippo Schina, dopo la revoca  senza alcuna motivazione, delle deleghe al consigliere Maria Rita Sibilia.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito