il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Fiuggi Futura: «Da Martini e Fiorini temiamo un’altra stangata sull’IMU (ex ICI)»

Fiuggi Futura: «Da Martini e Fiorini temiamo un’altra stangata sull’IMU (ex ICI)»

FIUGGI - Nuovo manifesto e nuovo attacco del Coordinamento Fiuggi Futura nei confronti dell’amministrazione guidata da Fabrizio Martini. In un comunicato diffuso quest’oggi, i rappresentanti della lista civica affermano: «L’amministrazione Martini sta già facendo pagare a tutti i cittadini i suoi clamorosi errori e i suoi tradimenti elettorali. Ma le cose andranno peggio. Del programma elettorale presentato agli elettori non c’è traccia. Invece della riappropriazione hanno firmato un contratto con Sangemini che, con la cancellazione della clausola di rivalutazione Istat, fa perdere alle casse comunali 11.857.072,00 euro, e intanto il comune perde contenziosi giudiziari, non percepisce il canone e subisce la chiusura dello stabilimento per sei mesi. Invece della promessa gestione pubblica, i parchi termali passano da un privato ad un altro senza che il Sindaco dica cosa ne pensa. La promozione turistica è paralizzata e l’amministrazione si dedica a capricci rancorosi sulle tende, a danno degli operatori economici e caricandoli sulla collettività. Tutto questo ha un costo.

Già l’anno passato la Fiuggi Unita ha aumentato l’addizionale comunale Irpef del 100% e ha incrementato mediamente la Tarsu del 26%, salvaguardando alcune categorie e colpendone altre come i proprietari di case ( + 30% ) e tollerando un incremento di evasione del tributo che passa complessivamente dal 24% al 31%, in gran parte annidato in una precisa categoria. Il tutto a fronte di un servizio, quello sui rifiuti, da terzo mondo. Mentre la città è peggiorata sotto tutti gli altri punti di vista.

Oggi siamo da capo a dodici. L’inesistente strategia amministrativa del Sindaco Martini e della sua Giunta ha svuotato le casse comunali e l’addizionale comunale sull’IMU rischia di essere pesantissima. La nuova tassa Imu, introdotta dal Governo Monti per riparare i danni prodotti dal governo Berlusconi di cui i nostri amministratori erano e rimangono amici, prevede, sulla base di una rivalutazione del 60% delle rendite catastali, una imposta statale del 4x mille sulla prima casa, aumentabile o diminuibile dai comuni del 2 x mille, e una imposta del 7,6 per mille sulla seconda casa, aumentabile o diminuibile dai comuni del 3x mille. Vedremo quello che l’assessore Fiorini saprà fare. Dal canto nostro avvertiamo preventivamente l’Amministrazione Martini di non fare colpi di mano e di non far pagare ancora ai cittadini fiuggini gli innumerevoli sbagli fin qui commessi».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito