il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Acuto, aumento tariffa servizio idrico, Agostini: «È tempo di cercare soluzioni condivise»

Acuto, aumento tariffa servizio idrico, Agostini: «È tempo di cercare soluzioni condivise»

ACUTO - «Azzerare le rispettive velleità di strumentalizzazione e cercare una soluzione insieme». È l'auspicio del sindaco Augusto Agostini in merito alla vicenda dell'innalzamento della tariffa idrica decisa dal commissario ad acta del consorzio Ato5. Così, mentre a livello provinciale la maggioranza guidata dal presidente Antonello Iannarilli e l'opposizione per mezzo del Partito Democratico se le danno di santa ragione per tentare di attribuire le colpe pregresse, sui cittadini e sui comuni pesa l'aggravio dell'onere del servizio idrico, con la tariffa schizzata a quota 1,359 euro a metro cubo per l’anno 2012.

«La situazione - spiega Agostini - richiederebbe che si rinunciasse ad assegnare colpe a questo o a quello schieramento politico", al centrosinistra che ha governato in passato la provincia come al centrodestra, poichè entrambi, sembra voler dire il sindaco, possono "vantare" errori. «Si tratta di mettersi ora intonro a un tavolo e ridare certezze ai cittadini sulla questione del servizio idrico e dei suoi costi, poiché sentenze passate e scelte discutibili hanno minato questa certezza».

 

Quindi il sindaco dedica un commento anche alla situazione dei lavoratori di Gaia spa, la società che gestisce la raccolta dell'immondizia e del cui consorzio fa parte il comune di Acuto. E' noto che i lavoratori protestano contro i comuni morosi e tra questi, seppur con una quota minima, vi è anche il comune di Acuto: «Abbiamo dilazionato i l debito pregresso con  Gaia - ha spiegato Agostini - e ora siamo indietro di qualche mese solo per l'anno 2011, quindi il nostro peso specifico non è eccessivo sulla situazione debitoria come per altri comuni». Di fatto le agitazioni di questi giorni e la raccolta a singhiozzo in alcuni grandi comuni del consorzio Gaia, con sacchetti per strada e secchioni da svuotare preoccupa non poco. Ma per il momento ad Acuto, anche «per la solerzia dei dipendenti Gaia» conclude il sindaco, questo problema non c'è.

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Marzo 2012 13:06

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito