il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Acuto, Bellucci critico: «Scuola è salva, ma non per merito del sindaco»

Acuto, Bellucci critico: «Scuola è salva, ma non per merito del sindaco»

ACUTO - Il Partito Democratico di Acuto interviene sul Piano di ridimensionamento scolastico della Provincia Frosinone appena approvato dalla Commissione Regionale scuola, che rispetto a quanto presentato in una prima fase, ha evitato l’accorpamento della scuola di Acuto con quella di Serrone, lasciando il plesso acutino alla direzione di Fiuggi. Achille Bellucci, consigliere comunale di minoranza e Presidente della XII Comunità Montana di Veroli, è intervenuto sulla vicenda plaudendo il cambio di rotta e criticando l’inerzia dell’Amministrazione Comunale di Acuto del Sindaco Augusto Agostini. «È prevalso il buon senso –esordisce Achille Bellucci- le scuole di Acuto che hanno sempre fatto  parte del circolo didattico di Fiuggi continueranno a far parte dello stesso. Si è riusciti a rimediare alla staticità  mostrata dalla maggioranza Agostini che nessuna iniziativa che sortisse effetti positivi aveva intrapreso nei confronti dell’Amministrazione Provinciale, che aveva  previsto l’accorpamento con l’istituto comprensivo di Serrone nel Piano Provinciale scolastico proposto alla Regione Lazio.  Il Consiglio Comunale di Acuto sull’argomento non è stato minimamente coinvolto, se non a tempo scaduto, e questo è una grande carenza da parte del sindaco Agostini e della sua maggioranza: il consiglio Comunale è espressione del popolo e non può essere tenuto in disparte e non coinvolto su temi così importanti, che ci coinvolgono tutti nessuno escluso. Il merito della modifica al Piano, è da riconoscere in primo luogo al comitato spontaneo formato da genitori insegnanti e cittadini  i quali hanno ragionato solo ed esclusivamente per il bene della collettività battendosi con le proprie forze perchè la scuola di Acuto non fosse aggregata a Serrone.
Di seguito le forze politiche  si sono fatte portavoce di questo comitato spontaneo e hanno coinvolto i loro referenti politici regionali, affinché in sede di Commissione ottenessero le modifiche, che poi con piacere sono state apportate. Senza questi passaggi, scavalcando la passività di un’Amministrazione Comunale che al contrario avrebbe dovuto attivarsi in modo incisivo per la sua comunità, la scuola di Acuto sarebbe stata aggregata a Serrone, con gravi e grandi disagi. Invito il Sindaco Agostini e la sua maggioranza –conclude Bellucci- a riflettere, su ciò, visto che è stato dimostrato qualora ce ne fosse il bisogno che i grandi temi che riguardano il paese devono vedere partecipi  tutti i cittadini, questo permette sempre di ottenere il meglio per la nostra comunità».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito