il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Lazio: dopo OK Giunta al dimensionamento scolastico, parola al Consiglio

Lazio: dopo OK Giunta al dimensionamento scolastico, parola al Consiglio

ROMA - Dopo l’OK della giunta al Piano regionale di dimensionamento delle istituzioni scolastiche per l’anno 2012-2013, la parola passa alle commissioni consiliari competenti. Il provvedimento prevede la riorganizzazione della rete scolastica regionale in istituti comprensivi costituiti nel rispetto dei parametri numerici: da un minimo di 600 alunni per i territori montani ad un massimo di 1000 alunni, tenendo conto delle richieste e delle proposte pervenute dall’utenza.
«Si tratta di un importante provvedimento – ha dichiarato nei giorni scorsi la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini – funzionale alle esigenze di ammodernamento della rete scolastica regionale». Secondo la governatrice nella determinazione delle scelte si è tenuto conto delle indicazioni provenienti dal territorio. L’assessore regionale all’Istruzione e Politiche giovanili, Gabriella Sentinelli, dal canto suo, si è impegnata a periodiche convocazioni dell’Osservatorio regionale per monitorare continuativamente la rispondenza alle esigenze effettive della popolazione scolastica regionale.
Soddisfazione per le decisioni assunte è stata espressa dal Presidente del Consiglio Regionale, Mario Abbruzzese, secondo cui «il nuovo Piano di Dimensionamento delle Istituzioni Scolastiche approvato dalla giunta regionale del Lazio ha visto accolte molte delle richieste avanzate dai singoli territori provinciali che, dal canto loro, hanno dovuto fare i conti con una serie di paletti fissati dalla Legge Finanziaria, vincoli legati soprattutto alle nuove disposizioni normative sulla razionalizzazione della spesa dell’organizzazione scolastica». Nonostante questo, secondo Abbruzzese, «in provincia di Frosinone il Piano approvato dal governo di Renata Polverini, è riuscito comunque a garantire il diritto allo studio per i nostri ragazzi e l’offerta formativa. Inoltre la delibera approvata dalla Giunta non ha modificano né la composizione delle classi, né ha portato ad una riduzione del numero degli insegnanti».
Di segno opposto le indicazioni che arrivano dai consiglieri regionali di opposizione. Marco Di Stefano (PD) parla di «compiacimento fuori luogo, visto che il piano di (ri)dimensionamento scolastico prevede solo nella provincia di Roma ben 14 accorpamenti in più rispetto al minimo richiesto dal Ministero».
Più ottimista Francesco Scalia, secondo il quale la Sentinelli ha già in parte raccolto le proposte del territorio, ma preannuncia ulteriori emendamenti quando il testo arriverà in Commissione: «La proposta dell’Assessore regionale Sentinelli – afferma Scalia – è sicuramente migliore di quella presentata dalla Provincia di Frosinone, anzi in parte stravolge il testo proposto dall’assessore provinciale Quadrini. Dopo la presentazione del Piano da parte della Provincia  ho ricevuto, da parte dei comuni interessati e dai dirigenti scolastici, molte proposte per modificare il piano redatto dalla provincia e, insieme al consigliere regionale Di Stefano, che si occupa per conto del PD della materia, le ho sottoposte all’assessore, la quale le accolte in parte, modificando così sostanzialmente il piano proposto dalla provincia di Frosinone. Tra queste l’attivazione dell’indirizzo ‘Audiovisivo e Multimediale’ per il Liceo Artistico ‘Anton Giulio Bracaglia’; l’istituzione di due nuovi istituti comprensivi nel Comune di Ferentino evitando lo smembramento della Giorgi-Fracco e l’accorpamento, proposto da Quadrini, della sezione di Fumone all’istituto comprensivo di  Guarcino e l’aggregazione delle scuole di Sgurgola all’IC di Supino. Da una prima lettura della delibera, sembra evitato anche il ridimensionamento del Convitto Nazionale Regina Margherita di Anagni. Rimangono ancora – conclude Scalia – punti oscuri rispetto ai quali presenterò i dovuti emendamenti in Commissione».  
Esprime invece parare contrario il Gruppo della Federazione della Sinistra, secondo il quale gli emendamenti accettati dalla Giunta sono comunque insufficienti. In una nota congiunta Fabio Nobile, consigliere della Federazione della Sinistra alla Regione Lazio e vicepresidente della XIV Commissione - Scuola, diritto allo studio, formazione professionale e università, e Loredana Fraleone, segretario regionale del Prc/FdS, affermano: «Nonostante l’approvazione dell’emendamento per l’integrazione del nuovo indirizzo di scienze applicate nel liceo Meucci di Ronciglione e quello per la salvaguardia dell’offerta formativa nel territorio di Ostia Levante, il testo rimane inaccettabile. La presunta “razionalizzazione”, infatti, non è dettata da scelte inerenti allo sviluppo socio-economico e culturale dei territori, ma da interessi localistici motivati da fini elettorali. Basti pensare alla gravità assoluta dello smembramento del polo artistico e agrario nella provincia di Frosinone.
Di fronte –continuano- all’attacco alla scuola pubblica a livello nazionale, le scelte regionali fatte con scarso coinvolgimento delle realtà locali rischia di affossare definitivamente il sistema scolastico pubblico.
Ci appelliamo –concludono Nobile e Fraleone- all’Assessore Sentinelli affinché questa delibera venga corretta, prevedendo nel contempo l’ascolto delle organizzazioni sindacali e degli studenti, a partire da quelle di Frosinone, la provincia più penalizzata dal piano di dimensionamento».
In questo quadro si inserisce l’insoddisfazione coralmente espressa dai rappresentanti del Comune di Acuto sull’accorpamento della scuola con quella di Serrone, per la quale il sindaco Augusto Agostini ha parlato di «scelta penalizzante e traumatica». In una missiva indirizzata all’assessore provinciale Gianluca Quadrini anche gli insegnanti hanno espresso la «contrarietà di tutto il corpo docente della scuola dell'infanzia e della scuola secondaria di primo grado e delle famiglie di tutti gli alunni di Acuto».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito