il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Pacciotti a Frosinone: «PD, Forum per discutere i temi di fondo»

Pacciotti a Frosinone: «PD, Forum per discutere i temi di fondo»

FROSINONE - Il 2 gennaio 2012, presso la sede della Confederazione Italiana Agricoltori di Frosinone, si è tenuto il primo incontro di lavoro della mozione Diritti a Sinistra di Frosinone, con la partecipazione del candidato alla segreteria regionale del PD Lazio, Marco Pacciotti.
Ad introdurre l’iniziativa il coordinatore della mozione, Valerio Ascenzi, che ha spiegato a grandi linee le intenzioni della mozione, e descrivendo la situazione provinciale, per nulla rosea, in cui si sono verificati spiacevoli episodi: «Questo partito, non può permettersi – ha detto Ascenzi – di utilizzare pesi e misure diverse a seconda delle situazioni localistiche, quel che è accaduto a Fiuggi, Sora e Boville Ernica, era assolutamente da evitare, come erano da evitare prese di posizione e le iniziative dell’ultim’ora, da parte degli esponenti di alcune mozioni, volte a salvare il salvabile, lasciano il tempo che trovano: in concomitanza con l’occupazione della Federazione di Frosinone, si sta cercando un capro espiatorio nella persona del segretario Provinciale Lucio Migliorelli, ma qualcuno dovrebbe avere il coraggio di andare a cercare responsabilità di quanto accade dove in effetti risiedono». Questa è risultata essere la posizione condivisa da molti nell’ambito della riunione. Ascenzi poi ha lasciato la parola al candidato Marco Pacciotti, il quale ha spiegato la sua idea di partito: «Bisogna rimettere al centro della discussione determinate idee da condividere – ha detto Pacciotti - coinvolgendo tutta quella parte di società che ci circonda, ma che ancora non abbiamo intercettato. Avremmo gli strumenti per questo tipo di lavoro – ha spiegato Pacciotti - ovvero i forum, ma non abbiamo ancora un partito. Se i forum possono funzionare con per temi marginali, siamo sicuri che funzioneranno molto meglio per quelli che sono i grandi temi di cui dovremmo ricominciare a parlare».
Un partito come questo, strutturato a canne d’organo, con correnti parallele che non si incontrano mai, espressione dei potentadi, ha grosse difficoltà a rimettere al centro un’idea statutaria di partito, grazie al fatto che i circoli sono più in grado di esprimere idee che vengono dal basso.
«Abbiamo bisogno di tornare a discutere – ha spiegato Pacciotti – nelle opportune sedi, riformando il partito per arrivare ad avere un organismo più snello e in grado di prendere decisioni in tempi ridotti, evitando di costituire organismi mastodontici, con segreterie in cui siedano i veri dirigenti del partito».
La mozione Diritti a Sinistra rappresenta la nascita di un progetto a lunga gittata, per ridare un punto di riferimento a tutti coloro i quali hanno una idea diversa di questo partito. «È un lavoro – ha detto Pacciotti -  che richiede tempo, pazienza e tenacia, da fare sia dentro ma soprattutto fuori di questo partito che dovrà in futuro comunque avere il ruolo di interlocutore con la società».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito