il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> Provincia, Bilancio ok. Monti cambierà idea?!

Provincia, Bilancio ok. Monti cambierà idea?!

Sample ImageSample ImageFROSINONE - "Massima oculatezza nella spesa”. Ecco la chiave di lettura dell'assestamento di Bilancio 2011 votato a maggioranza la settimana scorsa dal Consiglio provinciale di Frosinone. Un via libera che ha soddisfatto il presidente Antonello Iannarilli e l'Assessore al Bilancio Giovanni Celli.

E così mentre dal Governo Monti arriva la proposta di ridurre i consigli provinciali a organi rappresentativi di Comuni e Enti montani, nonchè di abolire le giunte, e quindi di ridurre notevolmente le spese per lo Stato, ecco il virtuosismo degli amministratori ciociari che vantano di aver fatto quadrare i conti. Servirà a convincere Monti che le Provincie possono essere gestite in modo doverso?! Ma ironia a parte rendiamo conto dei commenti all'approvazione che entrano nel dettaglio del piano finanziario provinciale.

" Il Bilancio è  per noi, alla Provincia di Frosinone, oltre che una prassi amministrativa - ha spiegato Iannarilli in una nota -  lo strumento di programmazione, una vera e propria opera per la collettività.

E intendo sottolinearlo ora, subito dopo l’approvazione dell’assestamento di bilancio 2011. Il risultato raggiunto, dei conti a posto nonostante le sofferenze che tutti ormai conoscono, penso sia da ritenere notevole, anche perché è il frutto di una gestione più che oculata e la prova della decisa controtendenza che abbiamo saputo innescare rispetto alla confusione che avevamo trovato, con il valore aggiunto di dover amministrare oggi risorse quasi inesistenti soprattutto se confrontate al periodo di vacche grasse di pochi anni fa”. 

  A entrare nel merito del documento apprivato è l'assessore Celli: “Vorrei porre l’attenzione su un dato in particolare dell’assestamento di bilancio della Provincia di Frosinone: la riduzione delle spesi correnti di 161.346,86 euro. Un dato questo  che ad un profano potrebbe anche dire poco ma per un amministratore pubblico deve essere un punto di forza sul quale ragionare e, soprattutto, far ragionare. Dietro la diminuzione di oltre 160mila euro di spese correnti, infatti, c’è una gestione minuziosa, l’abbattimento degli sprechi, un’azione che non esito a definire corale nella tutela del bene comune. Se la parsimonia nel gestire il proprio capitale è una virtù, infatti, maggiormente va considerata tale l’oculatezza nella gestione del capitale di tutti, delle risorse pubbliche”.

“Il nostro bilancio di previsione per il 2011 si era preannunciato difficile - ha detto quindi il consigliere PDL Eligio Ruggeri -  non solo a causa delle difficoltà continue dovute alla ricaduta negativa della precedente gestione ma anche per i tagli dei finanziamenti dalla Regione e dallo Stato. Nonostante ciò il Presidente Iannarilli ha evitato di gravare le tasche dei cittadini con l’aumento delle tasse dove la legge ce lo consentiva. Ora ci siamo presentati all’approvazione dell’assestamento di bilancio con la dimostrazione che il sacrificio paga, nonostante le congiunture si presentino tutte sfavorevoli. La Provincia di Frosinone ha i conti a posto nonostante sia gravata da indebitamenti certamente evitabili che sono stati causati dalla gestione passata, e che ci pongono quotidiane difficoltà. Procede con estrema attenzione, fa economia, e pone l’attenzione alla soluzione dei problemi più pressanti. L’ottenimento di questo risultato necessita di buone competenze e di tanto lavoro, credo sia un risultato da tenere bene a mente”.

Di tutt'altro tono invece l'analisi dell'opposizione. A parlare per il centrosinistra è il consigliere provinciale capogruppo della Lista Schietroma, Mario Felli: "L’attuale Amministrazione Provinciale, giunta a metà percorso, non ha ancora presentato il Piano Strategico di Sviluppo, quale strumento necessario per andare nella direzione di un territorio integrato: in termini di coordinamento delle diverse iniziative di sviluppo; in termini di collegamento tra i diversi ambiti territoriali; in termini di rafforzamento della coesione sociale e dell’identità territoriale. Ricordo che precipuo onere di ogni Provincia - scrive Felli in una nota - è quello di promuovere il coordinamento degli strumenti di sviluppo locale con i programmi e le operazioni di valenza regionale e nazionale; sostenere la formazione e l’attività di partenariati locali; promuovere e facilitare l’adozione a livello locale di strumenti relativamente complessi per lo sviluppo territoriale; facilitare e incoraggiare le aggregazioni sovra comunali per l’attuazione di iniziative di sviluppo locale.  Pertanto, l’Ente di Palazzo Gramsci, attraverso il Piano Strategico, avrebbe dovuto perseguire obiettivi strategici fondamentali e segnatamente: migliorare le condizioni di vita e di lavoro del territorio sotto il profilo sociale, culturale, ambientale ed economico; aumentare le condizioni di competitività delle imprese in riferimento sia delle iniziative esistenti sia delle diverse opportunità; favorire la capacità attrattiva dell’area verso i nuovi investimenti; accrescere la capacità della pubblica amministrazione e delle imprese di accedere e mettere a frutto le risorse finanziarie provenienti dall’Unione Europea, dalla Regione e dallo Stato; adoperare il vantaggio competitivo proveniente dai grandi attrattori naturali, paesaggistici e culturali; enfatizzare gli aspetti identitari del territorio della Provincia essenziali per lo sviluppo, quali: la cultura, il paesaggio, il patrimonio storico e archeologico; favorire i settori economici individuati come trainanti per l’economia ciociara, rendendoli più sostenibili e integrati con il quadro  economico – sociale complessivo. Purtroppo nulla di tutto ciò, ad oggi, è stato fatto.  Tant’è vero che lo stesso Vicecordinatore Provinciale del PdL ha sonoramente e giustamente “bacchettato” (in un articolo pubblicato recentemente sulla stampa locale) l’operato della Giunta Iannarilli evidenziando che la Provincia di Frosinone ha bisogno del “tavolo delle priorità” o del “piano strategico”.
E’ fin troppo evidente che siamo di fronte ad un’amministrazione ferma ed assente la quale - prosegue Felli - nel tempo rascorso, non ha concretizzato alcune delle numerose promesse fatte nell’ultima campagna elettorale. Per converso, ha aumentato - in spregio alla normativa vigente e senza tener conto dell’attuale contesto economico - i costi per il personale dirigenziale (ricorrendo a professionisti esterni addirittura superando la quota dell’8% fissata dall’art. 19 del D. Lgs. n. 1652001 così come modificato dal D. Lgs n. 150/2009); ha conferito incarichi legali esterni (procedendo alla scelta diretta degli Avvocati senza preventiva formazione di un albo ai sensi dell’art. 125 comma 11 del D. Lgs. n. 163/2006 nonché liquidando parcelle di notevole entità senza il previo parere di congruità del Consiglio dell’Ordine di appartenenza); ha, financo, appaltato a società esterne la gestione del servizio di supporto informatico o del settore assicurativo senza alcuna gara il tutto con un notevole e non giustificato esborso di somme da parte della stessa Amministrazione Provinciale che, per converso, potevano essere destinate ad altri settori (lavoro, servizi sociali, viabilità, scuola ed altro) onde garantire una corretta gestione della cosa pubblica.Ciò denota che l’amministrazione di centrodestra, sin dall’inizio, non ha mai avuto una strategia politica ne tantomeno valide idee ed idonei progetti diretti a risolvere ed affrontare i gravi problemi (economici e sociali) che da diverso tempo attanagliano il nostro territorio".

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Dicembre 2011 16:38

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Leggi anche:

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito