il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Politica ::> PD Lazio, primarie a febbraio

PD Lazio, primarie a febbraio

Sample ImageIl nuovo segretario del partito democratico del Lazio sara' eletto con le primarie, che si terranno il prossimo 12 febbraio 2012. Lo ha comunicato il commissario del partito per il Lazio, Vannino Chiti, all'Assemblea regionale dei democratici laziali, che si è svolta ieri all'Hotel Ergife a Roma, precisando le tappe che porteranno all'indicazione delle candidature entro il 10 dicembre e poi alla fase che si svolgera' nei circoli del partito tra la meta' di dicembre e la meta' di gennaio e, infine, alla convocazione dei gazebo domenica 12 febbraio. Al momento in lizza ci sono esponenti dell'area cattolica del partito, a partire da Enrico Gasbarra, la cui candidatura e' stata autorevolmente lanciata dal presidente della provincia di Roma, Nicola Zingaretti, e dal deputato romano vicino alle posizioni di Rosy Bindi, Giovanni Bachelet. Come terzo incomodo potrebbe fare capolino anche l'europarlamentare David Sassoli, legato al presidente dei deputati del Pd, Dario Franceschini.

 

Bachelet non ha escluso in caso di candidatura di Sassoli di potere ritirare la propria. Le primarie per il segretario del Pd del Lazio saranno soltanto l'inizio di una lunga serie di consultazioni, principalmente di coalizione e non di partito, per la definizione dei candidati alle amministrative della primavera 2012, per il Lazio in centri significativi come Frosinone, Rieti e Civitavecchia, e che culmineranno con quelle del 2013 per il Campidoglio e per la provincia di Roma. In ballo anche eventuali primarie per le candidature al Parlamento da calibrare sulla base di quella che sara' la legge elettorale nazionale e il loro momento, ovvero se anticipate o a conclusione della legislatura nel 2013. Regole per le primarie di partito per l'indicazione dei candidati al Parlamento sono state chieste dal deputato Walter Tocci e per questo tipo di primarie si e' dichiarato favorevole anche il capogruppo democratico alla Regione Lazio, Esterino Montino. E' toccato a Chiti da un lato chiarire che ad esempio il Lazio non puo' decidere l'impossibilita' di ripresentazione dopo due mandati, quando le regole nazionali ne prevedono tre; e al responsabile nazionale organizzazione del Pd, Nico Stumpo, sottolineare che anche nello statuto del partito non verra' inserita la norma delle primarie per le candidature alle politiche, ma un regolamento flessibile che si adattera' a una eventuale nuova legge elettorale oppure alla non augurabile riutilizzazione del 'porcellum'.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Leggi anche:

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito