il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> I sindaci di Piglio e Serrone a sostegno di Bassetta a tutela dei lavoratori VDC che rischiano la pensione

I sindaci di Piglio e Serrone a sostegno di Bassetta a tutela dei lavoratori VDC che rischiano la pensione

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

PIGLIO - Il sindaco di Anagni, Fausto Bassetta, nei giorni scorsi ha inviato una lettera al Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e ai senatori Giorgio Tonini, Magda Zanoni e Federica Chiavaroli (rispettivamente presidente della Commissione Bilancio del Senato e relatrici in Commissione della Legge di Stabilità 2016) sulla vicenda dei lavoratori della ex Vdc Technologies che vedono a rischio l’accesso alla pensione in tempi brevi. Nell’iniziativa, in vista dell’approvazione della Legge della Stabilità, Bassetta ha coinvolto altri sindaci del comprensorio (Paliano, Piglio, Serrone, Sgurgola, Alatri, Acuto, Fiuggi, Ferentino, Frosinone, Morolo, Segni, Colleferro, Gorga, Carpineto Romano, Ceccano) e la mobilitazione degli amministratori locali è sostenuta dal presidente della Giunta regionale del Lazio, Nicola Zingaretti, e dal presidente dell’amministrazione provinciale di Frosinone, Antonio Pompeo. In particolare, Bassetta e i colleghi sindaci accendono i riflettori sull’approvazione dell’emendamento che consente di raggiungere i requisiti per la pensione entro 36 mesi dalla fine della mobilità coprendo il periodo con i contributi volontari. Sostegno particolare all’iniziativa è stato espresso dai Sindaci di Piglio Mario Felli e di Serrone Natale Nucheli.
«È un intervento importante che sosteniamo con forza –hanno commentato i due Amministratori- la vicenda della società Vdc-Technologies di Anagni rappresenta la storia di migliaia di lavoratori e di conseguenza delle loro famiglie. Noi in sinergia con tutti i Sindaci del territorio, sosteniamo con determinazione l’azione proposta dal Sindaco Bassetta, al fine di poter scansare il rischio che corrono i lavoratori nel non accedere alla pensione in tempi brevi. Confidiamo che i lavoratori interessati possano accedere alla salvaguardia e quindi alla pensione, stante l’impossibilità di potersi rioccupare nel nostro territorio ad un’età ormai avanzata».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito