il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Fiuggi, Ludovici contro Martini: «Su Terme il Sindaco conosce le conseguenze disastrose per Fiuggi»

Fiuggi, Ludovici contro Martini: «Su Terme il Sindaco conosce le conseguenze disastrose per Fiuggi»

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

FIUGGI - Non si placa lo scontro tra i consiglieri indipendenti (Baccarini e Bianchini) usciti dalla maggioranza ed il gruppo di maggioranza del Sindaco Fabrizio Martini, sulla questione dell'appropriazione delle Terme, culminata poi nei giorni scorsi con un comunicato della maggioranza che indica i dissidenti come «ignavi».
A sottolineare la gravità del comportamento del Sindaco Martini e della sua maggioranza, è intervenuta anche nei giorni scorsi il consigliere di minoranza del gruppo «Zero10» l'avv. Rachele Ludovici.  
«I lavori dell'ultimo Consiglio Comunale -commenta il consigliere Ludovici- sono la riprova del comportamento ignobile del gruppo di maggioranza, che ha fatto spregio delle parole e del motivato dissenso manifestato dalla minoranza.

In questi giorni  la verità è stata poi celata, insultata e impunemente vilipesa. Per cui è giusto rimettere al centro i fatti. Durante l'ultima seduta della commissione Turismo il revisore dei conti del Comune il dott. Scozzese, ha espresso il suo parere, che diverge completamente da quanto espresso nel corso dell'ultimo Consiglio Comunale dai rappresentanti della maggioranza che ancora credono nell'operato dell'Amministrazione Martini.
Nel suo intervento Scozzese ha sottolineato: «Né il Comune, né ATF possono entrare in capitali di aziende private». Scozzese ha inoltre ribadito: «che non si può entrare a far parte di iniziative economiche rischiose. Non possono essere dati "placet" poichè il Comune e ATF sono collegati e se ATF, per un qualsiasi motivo, si accollasse ulteriori oneri ci sarebbe un potenziale rischio di scatafascio. Sottolinea inoltre di comprendere, da tecnico- l'impatto politico e l'effetto catastrofico della chiusura delle terme, ma ATF e Comune possono rilevare o subentrare su cose che non hanno debiti».
Allora mi domando se ci fosse un trasferimento di azienda (comparto terme e golf) in capo ad ATF, l'azienda non si accollerebbe anche i debiti pregressi? O forse è immune all'applicazione della legge... Vi è di più, lo stesso Sindaco nel corso della stessa ha affermato: «che ogni persona di buon senso dovrebbe attivare la dovuta prudenza onde evitare che la società ATF possa morire sotto il colpo dei debiti che arriverebbero dalle terme».
In spregio quindi a quando emerso nel corso dei lavori della Commissione Turismo, contraddicendo se stesso, il Sindaco e la maggioranza hanno operato la scelta scellerata di innescare l'ennesima guerra giudiziaria a danno di tutti coloro, che vedranno l'ennesima stagione turistica scivolare. È evidente che il Sindaco ed i suoi consiglieri anziché pensare al prossimo futuro dei cittadini di Fiuggi, mirano a creare l'ennesimo slogan in vista delle prossime elezioni amministrative. Siamo tutti doverosamente obbligati a riflettere -conclude il consigliere Ludovici- sul nostro futuro, che non può essere condizionato dalle ambizioni di qualcuno. Inoltre si fa un gran parlare dei lavori in Comunale in cui la maggioranza ha mostrato invece, tutta la sua debolezza.
Il Sindaco ed il suo gruppo anziché fermarsi a riflettere, hanno attivato una campagna diffamatoria verso coloro che alla luce dei fatti hanno manifestato le loro legittime perplessità davanti alla scelta che si andava ad operare.
Il punto è che quando non si hanno argomenti per contestare il merito delle questioni poste dagli avversari i deboli spostano il discorso sull'attacco personale, sulla denigrazione. Il Sindaco ed i suoi hanno deciso i sacrificare ATF alle ragioni di una campagna elettorale , che è iniziata in modo mediocre e meschino.
Invitiamo pertanto tutti i cittadini a riflettere sui fatti: nel corso dei lavori della commissione turismo, richiesta da Fzero10, dopo gli sterili attacchi del Sindaco, le dichiarazioni del revisore dei conti del Comune di Fiuggi e del Servizio Finanziario non hanno lasciato spazi ai dubbi. Indignarsi è obbligatorio -conclude il consigliere Ludovici- e manifestare tale sgomento è nella libertà di ciascuno».

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Giugno 2014 08:00

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito