il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Ex Videocolor, rinvio del tavolo provinciale per ottenere lo stato di crisi

Ex Videocolor, rinvio del tavolo provinciale per ottenere lo stato di crisi

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

FROSINONE - Un tentativo disperato di unire le forze e chiedere lo stato di crisi provinciale:  si è svolto ieri presso il palazzo della Provincia su iniziativa dei lavoratori ex Videocolor, che hanno invitato l'amministrazione presieduta da Antonello Iannarilli ha muoversi perché la Ciociaria venga riconosciuta dal Governo area di crisi. E la risposta, a lungo sollecitata, è finalmente arrivata.

Alla presenza di tanti sindaci e amministratori locali, dei sindacati provinciali, degli industriali e di FederLazio, dei rappresentanti degli operai ex Videocolor -che presidiavano l'ingresso di palazzo Gramsci con un sit-in - è stato dunque istituito ieri pomeriggio il tanto atteso tavolo di crisi provinciale. Già per lunedì sono state annunciate le prime mosse da parte degli attori istituzionali, sindacali e industriali che vi parteciperanno, per non perdere un altro minuto, e avviare formale procedura presso il Ministero dello Sviluppo economico. Ma oggi è arrivata la doccia fredda: l'incontro pubblicamente annunciato non si svolgerà lunedì, e al momento non è stata indicata un'altra data. Neanche i motivi del rinvio sono stati resi noti, sollevando l'irritazione e la preoccupazione dei lavoratori, per i quali ormai il tempo stringe. Se non verrà individuata una via d'uscita credibile con una tempistica che ormai avrebbe del miracoloso, l'esito inevitabile è la mobilità per tutti. Per questo un ulteriore rinvio a meno di 24 ore dall'annuncio del Tavolo risulta incomprensibile.

Intanto stamattina un drappello di lavoratori ex Videocolor ha lanciato in diretta da Anagni, durante la trasmissione di RaiTre Agorà in città per il caso Fiorito, l'appello al Ministro Patroni Griffi presente in studio a Roma. Quello cioè di sollecitare sulla drammatica situazione della fabbrica anagnina il ministro competente Passera. Un altro modo per tenere alta l'attenzione su una situazione occupazionale delicata dopo il fallimento dell'azienda, in attesa che si conosca l'entità esatta del Fondo per la Globalizzazione (Feg) che potrà essere impegnato dalla Regione Lazio per la formazione e il sostegno al reddito dei lavoratori ex Videocolor, che da sette lunghi anni ormai vivono con poche centinaia di euro al mese.

La strada sembra dunque ancora in salita. Ma fino all'ultimo, gli operai Videocolor non sono intenzionati a mollare.

Un estratto del programma Agorà su RaiTre con l'intervento degli operai Videocon e del sindaco di Anagni, Noto.

Ultimo aggiornamento Sabato 06 Ottobre 2012 16:51

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito