il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Marangoni, vertici preoccupati per lo stabilimento di Anagni; Abbruzzese assicura impegno Regione Lazio

Marangoni, vertici preoccupati per lo stabilimento di Anagni; Abbruzzese assicura impegno Regione Lazio

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - In una nota diramata nel pomeriggio di oggi il Presidente del Consiglio Regionale del Lazio Mario Abbruzzese rende noto un incontro svoltosi nei giorni scorsi con la dirigenza della Marangoni: «Ho ricevuto nei giorni scorsi i vertici aziendali della Marangoni Tyres Spa, i quali mi hanno espresso grande preoccupazione per il destino produttivo dello stabilimento anagnino, fortemente a rischio proprio in questi giorni a causa della difficile congiuntura economica che il nostro paese sta attraversando. Una congiuntura che, rendendo sempre più difficile il reperimento di crediti sui mercati finanziari, mette in serio pericolo gli attuali livelli occupazionali. Ai vertici della Marangoni– ha affermato Abbruzzese – ho assicurato la mia piena disponibilità ad agire subito, facendomi portavoce presso il Ministero del Lavoro e presso tutte le sedi istituzionali competenti, delle loro preoccupazioni circa il futuro della fabbrica. Una posizione che mi auguro possa essere appoggiata in modo bipartisan da tutta la comunità politica regionale, richiamando l’attenzione della politica nazionale e delle Istituzioni. Mi auguro, infatti, che si possa intervenire con la massima urgenza  anche perché un inasprimento della crisi, oltre a mettere a rischio i 500 lavoratori dell’azienda e gli oltre 400 occupati dell’indotto, provocherebbe un radicale cambiamento nella geografia industriale del Lazio e di tutta la Ciociaria. Un’area questa, che con i destini produttivi della Fiat di Cassino (primo stabilimento industriale per numero di occupati della Regione) sempre più opachi e con la chiusura della Videocon (secondo stabilimento) pagherebbe un prezzo troppo alto, compromettendo tutte le prospettive di rilancio pianificate per essa, condizionando di conseguenza, la ripresa nella Regione».
«Il mio auspicio –ha concluso il Presidente – è che le forze politiche possano fare fronte comune, difendendo i livelli occupazionali attuali della Marangoni ed allo stesso tempo la capacità produttiva regionale. Per quanto è nelle mie possibilità mi adopererò in difesa dei lavoratori della Marangoni, sostenendo l’azienda sia nella fase di ricerca di fondi che possano assicurare una continuità produttiva sia assicurando alle loro rappresentanze sindacali la massima disponibilità ed il massimo sostegno nel tavolo di concertazione che il Ministero dell’Industria ha attivato per scongiurare licenziamenti».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito