Videocolor Day, lavoratori e Istituzioni uniti per il futuro del sito

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

ANAGNI - Quando nella sala mensa della ex Videocolor comincia il Consiglio comunale aperto, il caldo torrido lo fa da padrone insieme ai volti tirati e speranzosi di centinaia di cittadini ex lavoratori Vdc, arrivati da tutto il comprensorio, e familiari giunti per l'occasione, per il Videocolor Day.

La sala sigillata dal Tribunale come tutta la fabbrica dopo il fallimento, è gremita in ogni ordine di posto, eccezionalmente ancora aperta al pubblico per questo atto andato in scena stamattina, che è insieme istituzionale, politico e sociale, nonché il momento della verità.

Insomma, chi ama la Videcolor è qui. Chi non si rassegna che "mamma Videocolor" chiuda i battenti, come amano ripetere molti operai, è qui in attesa.
Primi fra tutti i lavoratori e le loro famiglie, i vertici sindacali provinciali e locali.

 

 


Ma oggi, al Videcolor Day, è stato anche il giorno delle istituzioni. Quelle locali, con il Consiglio comunale della città dei Papi al gran completo presieduto dal consigliere Marco Cesaritti e dal Sindaco Carlo Noto. Una seduta animata da numerosi interventi che si risolve in una scelta unanime su cui il Sindaco in testa si impegna: la fabbrica di località Frattarotonda verrà salvaguardata quanto a destinazione d'uso. Questa scelta metterà a riparo da qualsiasi azione economica speculativa e "dagli avvoltoi" come dicono, molto efficecemente, lavoratori e maestranze sindacali ex Vdc, riuniti in assemblea permanente.
Quindi c'è la passerella delle Istituzioni. Dal presidente della Provincia di Frosinone  Antonello Iannarilli - l'unico ad essere contestato vivacemente - all'assessore regionale alle Attività produttive Mariella Zezza. Dalla Regione Lazio arriva l'impegno alla salvaguardia dei posti di lavoro, con la garanzia della Cassa integrazione fino a dicembre 2012 e possibile rinnovo per ulteriori sei mesi.

Quindi le parole più attese e appaludite. Quelle del Prefetto di Frosinone Eugenio Soldà il quale prima fa i complimenti ai lavoratori per la "correttezza, la democrazia e il pacifismo" dimostrato nelle giornate drammatiche che si stanno succedendo per la ex Vdc, e poi mette in campo tutto il suo impegno "verso il Governo nazionale", che resta l'unico vero attore protagonista che ha del drammatico per il territorio ciociaro dal punto di vista occupazionale, ma che ora apre le porte a tante possibili soluzioni di riconversione e riutilizzo del sito.

E intanto sul fronte del procedimento fallimentare, i sindacati annunciano all'assemblea che Antonio Caiafa, curatore fallimentare, incontrerà le maestranze per chiarire i passaggi prossimi della vicenda.
Numerosi anche gli esponenti politici presenti in sala, i vertici provinciali di molti partiti, gli esponenti regionali e provinciali ma soprattutto i Sindaci, con la fascia tricolore, a testimoniare di un sito quello della ex Videocolor che non è solo questione di pochi interessati ma di un intero territorio violato e maltrattato.
La mattinata scorre via veloce, la tensione è tanta. Ma la disciplina di tutti rende il lavoro delle forze dell'ordine facile, nonostente il dispiegamento di Digos, Carabinieri e Polizia Locale.
Il successo del Videocolor Day è senza dubbio assodato. Ma da qui in avanti i lavoratori ex Vdc il successo vorrebbero vederlo in ben altri campi.

Share

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Luglio 2012 13:44

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito