il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Videocon di Anagni, dal Ministero fumata nera: nessuna nuova offerta oltre a Ssim, il fallimento incombe

Videocon di Anagni, dal Ministero fumata nera: nessuna nuova offerta oltre a Ssim, il fallimento incombe

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - Una doccia gelata per lavoratori, sindacati e rappresentanti del territorio: l’esito della riunione di oggi pomeriggio presso il Ministero dello Sviluppo Economico non ha riservato quella sorpresa positiva cui tutti continuavano ad aggrappare le residue speranze di un rilancio produttivo per lo stabilimento Videocon di Anagni. Al contrario, il sottosegretario Claudio De Vincentis ha riferito agli intervenuti che non sono emerse nuove prospettive imprenditoriali di rilancio della società, oltre a quella presentata dalla cordata arabo-canadese della Ssim, che non prescinde però da una revisione migliorativa del concordato cui l’attuale proprietà della famiglia indiana Dhoot non appare disponibile. Posizioni tra le parti estremamente distanti, mentre mancano ormai poche ore alla scadenza del 22 giugno: se la situazione resterà in questi termini, si apriranno inevitabilmente le porte al fallimento definitivo, come ha chiarito nei giorni scorsi il commissario giudiziale Antonio Caiafa. Una prospettiva estremamente preoccupante per 1300 famiglie, anche considerato il contesto territoriale e congiunturale in cui va contestualizzata la chiusura di Frattarotonda. La Ciociaria del 2012 è davvero, da un punto di vista delle prospettive occupazionali, quasi un deserto.
Questa mattina (giovedì 21 giugno) è in programma un nuovo sit-in di fronte al Tribunale di Frosinone: l’ennesima prova di determinazione da parte di lavoratori sempre più sfiduciati, ma ancora non rassegnati.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito