il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Videocon di Anagni: Regione e sindacati chiedono incontro urgente al ministro Passera. Blitz degli operai negli uffici regionali

Videocon di Anagni: Regione e sindacati chiedono incontro urgente al ministro Passera. Blitz degli operai negli uffici regionali

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - Un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico diretto dal ministro Corrado Passera. È quanto hanno chiesto e ottenuto i lavoratori della Videocon di Anagni, rappresentati dalle organizzazioni sindacali e la Regione Lazio nella persona dell’assessore al lavoro Mariella Zezza.

Un piccolo successo che ha richiesto però un intervento "sopra le righe". I rappresentanti sindacali che ieri mattina hanno guidato circa 200 lavoratori sotto gli uffici della Pisana, sono ricorsi all'occupazione di alcuni uffici regionali per ottenere l'ascolto che, in questi casi, qualche volta latita. All'incontro della task force regionale infatti erano presenti all'inizio solo i tecnici. Così le sigle sindacali sono ricorse all'occupazione. Momenti di concitazione e poi si è risolto tutto con l'incontro insieme all'assessore. Da qui la decisione di portare la vertenza al Ministero.


È l’ultima, tenue speranza alla quale 1300 lavoratori affidano il loro futuro, rispetto al quale le incognite sarebbero pesantissime se venisse invece confermato l’iter del fallimento. Restano pochi giorni. Una frase sentita tante volte in questa vicenda, ma ora il termine del 10 maggio è davvero ultimativo: i creditori dovranno definitivamente esprimersi sulla richiesta di fallimento.

Ma nel corso degli ultimi 6 anni i progetti industriali presentati sono evaporati uno dopo l’altro: dopo la delusione del passo indietro (ma non ci sarebbe mai stato un vero “passo avanti”) di Ansaldo-Toshiba, in campo resta solo la SSIM, che però non ha versato la cauzione richiesta e sulla cui effettiva volontà e possibilità di rilevare lo stabilimento di Frattarotonda sussitono al momento più dubbi che certezze. Il quadro economico generale non aiuta, e costituisce un ulteriore elemento di preoccupazione per le maestranze e per il territorio: la fine dello stabilimento provocherebbe un’ulteriore e sensibile impoverimento di tutta l’area limitrofa ad Anagni.

Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Aprile 2012 07:26

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito