il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Regione, allevamento: oggi in assessorato il tavolo della'Aral

Regione, allevamento: oggi in assessorato il tavolo della'Aral

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - “La riorganizzazione dell’Associazione Regionale degli Allevatori del Lazio (ARAL) dovrà procedere in tempi rapidi e avere come principale obiettivo un piano industriale basato sulla valorizzazione delle competenze  e su un modello di gestione più efficace e meno costoso”.

Lo ha detto Angela Birindelli assessore alle Politiche agricole della Regione Lazio durante il tavolo di concertazione che si è svolto oggi in Regione alla presenza del nuovo commissario, Pietro Santo Molinaro, i rappresentanti delle APA provinciali, le organizzazioni professionali, sindacali e il mondo della cooperazione.

Durante l’incontro tutti i soggetti partecipanti si sono dichiarati disponibili a collaborare con il nuovo commissario nominato dall’AIA nazionale per superare la fase emergenziale dell’associazione e lavorare in termini di prospettive future attraverso la costruzione di un nuovo piano industriale.
“La Regione Lazio continuerà a fare la sua parte – ha aggiunto l’assessore Birindelli  - perché la riorganizzazione dell’ARAL sia condotta secondo un percorso condiviso da tutti. Voglio ricordare che nel 2011 il Lazio è stata tra le poche regioni italiane a stanziare sul proprio bilancio 3 milioni di euro di fondi per sopperire ai tagli dei finanziamenti statali dovuti al decreto Milleproroghe.

Purtroppo le Regioni da sole non possono farsi carico delle carenze dei fondi nazionali, per questo mi auguro che il nuovo commissario sappia tenere conto delle difficoltà economiche di questo momento e sappia indicarci le soluzioni più adeguate. Rimane importante per noi, - ha concluso l’assessore Birindelli - che nel piano industriale futuro dell’ARAL siano salvaguardate le risorse che operano all’interno della struttura, vale a dire i lavoratori delle APA i quali rappresentano un indispensabile patrimonio di competenze al servizio dei territori e che oggi purtroppo subiscono più di tutti le conseguenze della crisi attuale”.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito