il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Regione, imprese Lazio non potranno più assumere apprendisti. PD: "Giunta intervenga presto"

Regione, imprese Lazio non potranno più assumere apprendisti. PD: "Giunta intervenga presto"

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - Dalla prossima settimana le aziende, grandi e piccole della regione Lazio non potranno stipulare i contratti di assunzione per apprendisti.

A denunciare il clamoroso vuoto normativo in materia, è il capogruppo al Consiglio regionale del Partito Democratico Esterino Montino e il consigliere Mario Perilli, che in una nota congiunta scrivono: "L'esecutivo regionale lo scorso agosto ha abrogato le vecchie norme, ma ha dimenticato di indicare le nuove. Cosi i centri per l'impiego sono paralizzati.

In sede di assestamento di bilancio, Giunta e maggioranza hanno deciso di cancellare  tutta la legislazione in materia di apprendistato per allinearla al testo unico nazionale. Lo scorso 3 febbraio con la deliberazione n.41 l’esecutivo è tornato  sull'argomento approvando un atto con "disposizioni in materia di formazione nell'ambito del contratto di apprendistato o contratto di mestiere", riaffermando che per rendere omogenea la disciplina regionale con quella dettata dal testo unico "occorre procedere emanando nuove disposizioni".

Il prodotto di cosi tante parole e buone intenzioni è stato, come spesso accade, il nulla -dicono però dal PD -  le nuove disposizioni non sono mai arrivate. E cosi il 25 aprile, giorno della festa della Liberazione, scade la proroga e dunque da sabato 26 le imprese del Lazio non potranno piu assumere apprendisti. Con un notevole aggravio dei costi visto che le norme sull’apprendistato prevedono agevolazioni importanti sia per le imprese che per i giovani.

Forse è il caso che l'assessore  alla formazione e lavoro prenda atto di questa smagliatura normativa e vi ponga rimedio emanando un atto utile a riparare i danni in modo che gia dal  26 aprile si possa tornare a stipulare  contratti di apprendistato. In questo senso abbiamo  presentato una interrogazione urgente e porremo il tema al centro dei lavori del prossimo consiglio regionale".

 

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito